Sole amico o nemico? - GravidanzaOnLine

Quali sono i benefici e i danni della “tintarella”? Perchè assistiamo in questi anni al “boom” dell’abbronzatura, per cui vediamo in ogni stagione dell’anno persone con abbronzature da Maldive e assistiamo al fiorire di istituti di bellezza con vari tipi di lampade in grado di fornire in poco tempo abbronzature spettacolari? Da un punto di vista della etologia umana (scienza che studia il comportamento dell’uomo), l’abbronzatura potrebbe servire a comunicare agli altri la propria situazione di agio e benessere, come i bei vestiti. L’osservazione è quella che quando la massa della popolazione lavorava all’aperto, avere la carnagione bianca era un segno di distinzione e di agio sociale. Adesso che quasi tutti lavorano al chiuso, avviene il contrario, per cui avere la carnagione abbronzata esprime possibilità di stare all’aperto, di fare vacanze, di avere del tempo libero a disposizione.

Ma i raggi del sole determinano anche dei danni in tutti, ma soprattutto nei bambini piccoli, in quanto hanno difese della pelle ancora imperfette poichè l’epidermide (la parte superficiale della pelle) del bimbo è molto più sottile di quella di un adulto. Lo stesso vale per il suo strato più esterno, quindi la pelle è molto più penetrabile dai raggi solari.

È ormai noto che l’eccessiva esposizione al sole, soprattutto nelle persone con pelli sensibili (carnagione chiara) è uno dei maggiori fattori di invecchiamento della pelle e che i raggi ultravioletti sono responsabili dell’aumento dei tumori della pelle. Infatti, l’incidenza dei tumori della pelle è proporzionale all’esposizione al sole. La diffusione di un tipo di tumore della pelle, l’epitelioma basocellulare, è altissima, circa 1 su 1000, fortunatamente è un tumore circoscritto da cui si può ottenere la guarigione.
Un altro tipo di tumore, il melanoma, è invece maligno e in rapido aumento. Si stima che, in Italia (dati dell’Italian Skin Cancer Foundation) si manifestano circa 5000 casi all’anno, e le segnalazioni aumentano ogni anno. Anche in questo tipo di tumore è stata dimostrata la relazione tra insorgenza del tumore ed eccessiva esposizione solare. Non solo ma è stato anche notato che è particolarmente dannosa (cioè è più frequentemente associata all’insorgenza di melanoma) è l’eccessiva esposizione al sole, con ustione solare, nei primi anni di vita fino alla adolescenza.

Il sole però ha anche azioni utili

Il primo beneficio è rappresentato dalla prevenzione del rachitismo. L’esposizione ai raggi ultravioletti ne previene infatti l’insorgenza. Altri effetti benefici ipotizzati che richiedono per ora studi più approfonditi sono rappresentati da una azione anticancro. Già nel 1980 era stata osservata una significativa correlazione positiva tra esposizione ai raggi del sole e riduzione del cancro del colon. Analoghe segnalazioni sono state fatte per il cancro al seno e alla prostata. Tali effetti di protezione sarebbero dovuti all’effetto protettivo della vitamina D che viene sintetizzata dal nostro organismo esposto all’effetto del sole.

Quindi come fare per ottenere benefici annullando o limitando i danni?

Innanzitutto con comportamenti “giudiziosi” quali esposizione graduale, evitare le ore dalle 11 alle 16:30, utilizzando abiti adeguati e creme protettive. Ce n’è davvero per tutti i gusti: in latte o in crema, in gel o in lozione spray. I solari sotto forma di olio hanno per lo più fattori di protezione molto bassi e sono quindi sconsigliati ai bambini, che hanno la pelle chiara e delicata. Sì al latte, particolarmente adatto al corpo in quanto più facile da stendere. Le formule in gel hanno un immediato effetto refrigerante e assorbono rapidamente. Per questo rappresentano la scelta ideale se il bimbo non sopporta solari che richiedono un massaggio prolungato. Le emulsioni-spray hanno una consistenza acquosa: donano quindi sollievo alla pelle accaldata, ma evaporano rapidamente e non garantiscono, quindi la protezione migliore. Sono perfetti, invece, i solari in crema, che danno vita ad un vero e proprio schermo protettivo, sia per il viso che per il corpo.

Quale fattore di protezione?

Maggiore è il numero di riferimento, più elevata è la protezione offerta dal cosmetico. Anche un filtro molto elevato, tuttavia, non impedisce alla pelle di scurirsi. Ci si abbronza anche con uno schermo totale, ci si abbronza più gradualmente e in modo meno intenso ma al termine della vacanza l’abbronzatura risulterà più uniforme e duratura. Per i bambini e per le persone con carnagione chiara è meglio scegliere solari con fattore di protezione molto elevato. A seconda delle caratteristiche della pelle si possono distinguere sei tipi differenti, detti fototipi. Occorre sottolineare che queste suddivisioni valgono solo per gli adulti e per i bambini più grandicelli. I piccolissimi hanno caratteristiche cutanee diverse e la loro pelle è estremamente delicata e sensibile. Anche un neonato con la carnagione scura, quindi va protetto, anche se appartiene ad un fototipo alto.

Articolo originale pubblicato il 24 giugno 2016

Categorie