PAPP A bassa: cause, rischi e conseguenze - GravidanzaOnline

Anonimo

chiede:

Buongiorno, da quando ho ricevuto il risultato dell’ultrascreen non ho pace. So che è un atteggiamento ridicolo, ma mi sentirei meglio se potessi avere alcune risposte che sono rimaste sospese. Né la mia ginecologa né il laboratorio in cui ho fatto il test sono riusciti a dirmi ciò che vorrei sapere. Il risultato del mio screening è 1/140. Sono consapevole del fatto che non è possibile fare diagnosi certe se non con l’amniocentesi (che non ho intenzione di fare, terrei il bambino in ogni caso). Tuttavia, poiché lo screening risulta positivo per le sole PAPP-A basse, mi chiedo alcune cose (per quanto poco possa cambiare lo stato delle cose) e mi sentirei meglio se voi foste così gentili da rispondere ai miei quesiti. Se non altro potrei escludere cause estranee o tenere conto di certi fattori. Il giorno in cui ho fatto il prelievo per il test avevo un’emorragia dovuta a un distacco/mancato accollamento placentare (avevo passato la notte all’ospedale), era già la terza emorragia in un mese. Questo può avere causato una riduzione della PAPP-A oppure no? L’altra domanda è la seguente: so che la Mom della PAPP-A è corretta per peso corporeo e che la sua concentrazione decresce con l’aumentare dello stesso. Sul test il mio peso riportato risulta essere inspiegabilmente di 5 kg in meno rispetto a quello reale. Vale a dire che hanno corretto la mia Mom PAPP-A su 75 kg, mentre io ne peso 80. Questa differenza cambia qualcosa nel ricalcolo della Mom corretta? Il laboratorio rifiuta di ricalcolare il tutto pur ammettendo l’errore e ammettendo di non sapere se 5 kg di differenza potrebbero “alzare” la Mom e ridimensionare così il mio rischio finale. Se il decremento della PAPP-A è giustificato dall’aumento del peso materno,allora mi sembra verosimile che un ricalcolo innalzerebbe la Mom (perché la concentrazione rilevata nel mio campione di sangue risulta bassa per 75 kg di peso corporeo ma potrebbe essere “giusta” per 80 kg). Scusate il disturbo, ma so che non mi metterò tranquilla finché non avrò soddisfatto la mia curiosità. Spero di avere espresso abbastanza chiaramente le mie domande. Accetterei mio figlio in qualunque modo, ma mal sopporto di non riuscire ad avere risposte che potrebbero ridimensionare la mia ansia. Grazie infinite per l’attenzione e la cortesia! P.s (settimana 11+4 al test, la TN era corretta 1,30, ossa nasali presenti, nessun soft marker per DS rilevato all’eco, Mom 0,90; Free b-hcg normali Mom 1,50; PAPP-A 0,51= Mom 0,36… corrette per peso materno. Il mio sarà anche un dubbio sciocco, ma risolverlo mi aiuterebbe molto a vivere meglio questa gravidanza). Ancora grazie infinite. Buona Pasqua

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Signora, Le rispondo semplificando, non per cattiva volontà, ma perché ritengo sia la migliore soluzione.
I dati degli screening ormonali integrati, vanno interpretati unicamente con i programmi dedicati.
Mio opinione personale sviluppata nel corso degli anni… È molto difficile che un bitest integrato possa contraddire il risultato anatomico.
Anche se l’integrazione del valore di
TN con il PAPP-A e con la free beta HCG, è nata con le migliori intenzioni, almeno nella mia esperienza quotidiana, si è rivelata inaffidabile e gravata da un alto numero di “falsi positivi”, nonostante le correzioni del caso.
In conclusione io non prendo molto in considerazione i risultati del bitest integrato, ma mi baso soprattutto sulla valutazione anatomica fetale, che se pur con dei limiti, ritengo maggiormente attendibile anche se ovviamente non infallibile.
Non credo quindi debba preoccuparsi più di tanto.
Ad ogni modo, ovviamente, non essendo possibile a distanza una valutazione circostanziata, segua i consigli dei suoi medici.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo