Anonimo

chiede:

Gentile dottore,
mi perdoni l’anonimato, ma preferisco rimanere tale. Sono una donna di 40
anni e da circa un anno
ho scoperto di avere 2 miomi uno di 5 cm e uno di 3 cm e mezzo.
Non mi danno alcun disturbo, ed ora il ginecologo ha iniziato a diradare i
controlli e le varie ecografie
di routine (mi ha fatto fare anche l’isteroscopia).
Vorrei sapere la differenza tra il ginecologo e l’endocrinologo.
Io sono ignorante: ma il primo effettua regolare visita e l’altro no, dato
che non ha il relativo lettino ginecologico?
I miomi vengono curati ed eventualmente asportati dal ginecologo e
dall’endocrinologo indistintamente?
Ho chiesto al mio ginecologo se posso prendere la pillola
anticoncezionale
(per il solo ed esclusivo fine a se stesso) e mi ha detto che lo posso
fare
tranquillamente, che la situazione non degenera per l’uso di un
anticoncezionale. Volendo sentire altro parere, mi affido ad altro
ginecologo o all’endocrinologo, per avere un ulteriore consiglio?
E in caso di infertilità o sterilità di coppia o singola … quale è il
medico che cura ed aiuta a tal proposito? Io credevo che fosse il
ginecologo
e l’andrologo per il partner… ma ora ho molto le idee confuse circa
l’endocrinologo e la ginecologia.
Chiedo cortesemente un parere ed un aiuto.
Ringraziando, porgo cordiali saluti.

Gentile signora,
premesso che le due specializzazioni hanno in comune… le ovaie, cioè gli
organi genitali che producono sia le cellule uovo che gli ormoni specifici
del ciclo mestruale e della gravidanza, esistono ginecologi che si occupano
in particolare dell’aspetto ormonale della donna, mentre gli endocrinologi
sicuramente non possono occuparsi della terapia chirurgica dei fibromi.
Questi possono essere trattati anche con terapie mediche di tipo endocrino;
la pillola contraccettiva a basso dosaggio non è in tal caso controindicata,
soprattutto se non si è in cerca di gravidanza. La posizione dei miomi può
talvolta influenzare la sterilità od il corretto prosieguo di una gestazione
regolarmente iniziata, ma in questa circostanza è opportuno farsi seguire da
un ginecologo per decidere il trattamento più idoneo. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo