Anonimo

chiede:

Salve, la mia situazione è questa: ho eseguito un’ovodonazione, che fortunatamente è andata a buon fine, due anni fa. Ora ho deciso di eseguire un transfer con gli embrioni crioconservati precedentemente. Ho smesso di allattare da circa due settimane, ma il latte è ancora molto abbondante, tanto che sono costretta a toglierlo tutti i giorni con il tiralatte! Ho un dubbio: può interferire nella preparazione dell’endometrio??? Può essere un problema per l’attecchimento degli embrioni??? Le faccio questa domanda perchè ho letto pareri contrastanti: in alcuni siti si diceva che l’utero fosse più predisposto all’attecchimento ed in altri invece ho letto l’esatto contrario. Dovrei eseguire il transfer ad aprile… Un’ultima cosa, visto che questa sarà la mia ultima gravidanza noi vorremmo tanto fosse gemellare, secondo il suo parere quanti embrioni mi consiglia di far trasferire? Ne ho ancora 7 crioconservati. P.S.: la mia età è di 44 anni, ma la mia donatrice ha 20 anni. La ringrazio per il tempo che mi ha concesso, cordiali saluti.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Signora, ritengo che l’allattamento (che peraltro Lei ha sospeso) non influisca in alcun modo con la preparazione endometriale, quanto al numero degli embrioni da trasferire Le consiglio di chiedere al Centro dove andrà a fare la ovodonazione che meglio conosce la Vostra situazione e soprattutto le loro percentuali di gravidanze singole e gemellari a seconda del numero di embrioni trasferiti e dell’età della donatrice. Cordiali Saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo