Anonimo

chiede:

Salve, ho 34 anni e sono alla prima gravidanza. Nelle ultime eco effettuate la mia ginecologa ha rilevato un rallentamento della crescita fetale, sopratutto per quanto riguarda le dimensioni di CA. Riporto i valori delle ultime ecografie per avere anche un vostro parere: Eco a 23+5 EFW 602 g HC 22,61 cm BPD 6,04 cm AC 18,66 cm FL 4,07 cm Eco a 26 EFW 1000 g HC 24,84 cm BPD 6,58 cm AC 21,63 cm FL 5,15 cm Eco a 29+4 EFW 1222 g HC 272,7 mm BPD 77,1 mm AC 236,7 mm FL 53,0 mm A. ombelicale PI 1,09 RI 0,67 Valutazione: CA ai limiti inferiori. La ginecologa vuole rivedermi dopo 2 settimane per ricontrollare l’accrescimento, mi ha messo sotto aspirinetta, premetto che io sono alta 1,60 cm e il padre circa 1,77 cm… sono valori preoccupanti?? So che rientrano sempre nei limiti, ma è il rallentamento che mi preoccupa molto. Se al prossimo controllo fosse sempre riconfermato il quadro, che cosa si può fare in più e cosa aspettarsi?? Grazie mille

Redazione

Redazione

risponde:

Effettivamente la circonferenza addominale è al 25° percentile, che rappresenta il nostro cutoff per definire l’esistenza di un difetto di accrescimento. Quindi, se il rallentamento porta la circonferenza a valori inferiori al 25° percentile, si parla di difetto di accrescimento. Tuttavia il dato circonferenza addominale, entro certi limiti, da solo, non è sufficiente e va considerato nel contesto di tutta la gravidanza, insieme con gli altri parametri ecografici e flussimetrici, con il suo incremento ponderale, le analisi e tutto il resto. La sua ginecologa la sta seguendo attentamente e quindi affidi a lei tranquillamente il da farsi ed eviti di chiedere troppo in giro. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo