featured image

Vaccini, approvato il decreto sull’obbligatorietà per l’iscrizione a nidi e materne

Approvato dal Consiglio dei ministri l’obbligo delle vaccinazioni per l’iscrizione ad asili nido e scuole materne, mentre non viene raggiunto l’accordo sull’obbligatorietà per elementari, medie e primi due anni di superiori. Il Governo, dunque, non ha seguito la linea del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, sposando invece quella di Valeria Fedeli, responsabile del’Istruzione. Per le scuole dell’obbligo, la mancata vaccinazione porterà dunque a una sanzione pecuniaria nei confronti dei genitori di alunni non vaccinati che frequentano elementari, medie e primi due anni delle superiori. Inoltre si allarga il numero di vaccini obbligatori, che passano da 4 a 12. Quindi vengono ricompresi in questa categoria anche l’mprv (morbillo, parotite, rosolia e varicella) e i due contro la meningite, di ceppo B e C.

Di fronte a questa obbligatorietà abbiamo deciso alcune misure – ha detto il Presidente del Consiglio Paolo GentiloniL’obiettivo è ridurre al minimo nei prossimi mesi e anni la fascia di popolazione non protetta“. Ha così spiegato che per la scuola dell’obbligo si è pensato a sanzioni, “anche 30 volte più alte di quelle esistenti“. La Lorenzin avrebbe voluto che almeno anche per le elementari ci fosse l’obbligatorietà di vaccinare per poter iscrivere il proprio figlio a scuola.

Si tratta di un decreto – ha dichiarato il Premier in una notaperché si è constatato che la mancanza di misure appropriate nel corso degli anni e il diffondersi negli ultimi mesi di teorie anti scientifiche, ha portato all’abbassamento della protezione. No stato di emergenza ma preoccupazione alla quale vogliamo rispondere. Decreto anche perché negli ultimi mesi diverse prese di posizione di diverse regioni su questo punto, sentiamo dovere e esigenza di dare indirizzi generali“.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha aggiunto che “le vaccinazioni sono uno strumento fondamentale di salute pubblica” e ha elencato i problemi connessi al calo delle coperture che si sta registrando in questi anni.

condivisioni & piace a mamme