featured image

Ninna nanna per neonati

L’origine della ninna nanna per neonati, una melodia rasserenante con o senza parole, che viene cantata ai bambini da una voce familiare – di solito quella della mamma o del papà – per farli addormentare, si perde nella notte dei tempi, anche se quella più famosa è senz’altro il Wiegenlied di Johannes Brahms, scritto nel 1868 e diventato protagonista di carillon e filastrocche della buonanotte in tutto il mondo.

La ninna nanna è caratterizzata da tonalità regolari e da un ritmo costante, ipnotico, che riporta il bambino a una condizione simile a quella della vita prenatale, con il ritmo regolare del cuore materno per compagnia e il cullare che può ricordare il dondolio nel liquido amniotico.

Il sonno per i bambini è fondamentale ancora più che per gli adulti, e il suo ciclo, regolato dalla luce e dal buio, comincia a svilupparsi a circa sei settimane di età, e nella maggior parte dei neonati si stabilizza con un modello regolare tra i tre e i sei mesi. Un adeguato riposo notturno è fondamentale per le prestazioni cognitive, ma anche per prevenire l’insorgenza di disturbi del metabolismo. La ninna nanna è, quindi, importante perché aiuta a stimolare la regolarità e accompagna dolcemente il bambino verso il sonno.

Inoltre, una recente ricerca condotta presso il Great Ormond Street Hospital di Londra ha dimostrato che la ninna nanna non solo aiuta ad addormentare i bambini, ma li calma anche dall’ansia e lenisce il dolore. Come spiegano i neurologi autori dello studio, c’è una parte antica del cervello nel sistema limbico che è responsabile delle risposte emotive alla musica. Quando si attiva, il livello di eccitazione diminuisce, influenzando anche la risposta al dolore.

E allora perché oltre a immagini rassicuranti, calore e splendidi paesaggi, a volte la ninna nanna parla di personaggi spaventosi come la Befana e l’Uomo nero? Perché proprio nominando le paure più grandi dei bambini, i genitori possono aiutarli a circoscriverle, a conoscerle e così ad esorcizzarle.

La ninna nanna è un rito magico che unisce i genitori ai figli, e non preoccupatevi se non siete intonati: cantate a bassa voce e con tranquillità, il bambino ama la vostra voce proprio così com’è.

condivisioni & piace a mamme