Medicine bambini: quali si possono somministrare?

Medicine bambini: quali si possono somministrare?

Quali sono le medicine che si possono somministrare ai bambini? È questa la domanda alla quale tutti i genitori vorrebbero avere subito una  risposta. In pediatria non si fa molto uso di medicine eccezion fatta per il paracetamolo e altri pochi farmaci che andrebbero somministrati dietro istruzione e prescrizione del proprio pediatra. Resta il fatto, comunque, che i medicinali più usati nel primo anno di vita sono i seguenti.

Contro febbre e dolore, i farmaci più consigliati per i piccoli pazienti sono paracetamolo oibuprofene.

Paracetamolo: consigliato dai pediatri e semplici da usare, il paracetamolo (da 5 a 15 milligrammi per ogni Kg di peso, per ogni dose) è la prima scelta nei primi mesi di vita. Si raccomanda, dietro consiglio del medico pediatra Italo Milano, la somministrazione del medicinale al lattante la cui temperatura corporea supera i 38 gradi. Evitate di dare medicinali al bambino qualora la temperatura sia entro i 38 gradi (temperatura ascellare) o 38,5 gradi (temperatura rettale), facendo attenzione, come ricorda sempre Italo Milano che “la febbre è un sintomo, non è la malattia” e che, in caso di comparsa, bisogna immediatamente rivolgersi al pediatra.

Ibuprofene: è anche esso un farmaco da banco, così come lo è il paracetamolo (in vendita in farmacia e parafarmacia senza l’obbligo della ricetta). Non bisogna mai dimenticare i loro effetti collaterali che rimangono comunque importanti. Non sono quindi farmaci innocui inoltre, qualche bambino potrebbe essere allergico oppure non tollerarli. Ricordate sempre che, in dosi elevate o prolungate, il paracetamolo può risultare epatotossico e l’ibuprofene gastrolesivo. In generale, gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della dose minima efficace per la durata di trattamento più breve possibile necessaria per controllare i sintomi. La dose giornaliera dell’ibuprofene è strutturata in base al peso ed all’età del paziente. Nei bambini di età compresa tra 3 e 6 mesi occorre limitare la somministrazione a quelli di peso superiore ai 5,6 kg.

Antibiotici: sono da somministrare solo se viene accertata la natura batterica di un’infezione. Gli antibiotici più usati per i bambini sono quelli a base di amoxicillina e acido clavulanico (per infezioni da germi sensibili all’amoxicillina e per infezioni acute e croniche delle vie respiratorie). A questi si possono poi aggiungere gli antibiotici a base di cefixima (cefixoral o supracef). Sono somministrati il più delle volte in sospensione, ma esistono anche in bustine. Devono essere tassativamente prescritti dal pediatra.

Su tutto ricordate sempre che la durata della somministrazione, come ricorda il Dr. Giovanni Panico, deve essere sempre valutata dal pediatra-medico perché si parla in ogni casa di medicine e del vostro bambino. I farmaci sono mezzi messi a disposizione per guarire e, se usati male (sovradosaggio, intervallo breve tra le somministrazioni, non adatti ai bambini), possono dare scatenare effetti collaterali. Il consiglio è quindi di non somministrare mai di vostra iniziativa farmaci senza il consiglio del pediatra.