Allattamento e seno

Allattamento e seno

Cura del seno in allattamento

Se dedichiamo al nostro seno attenzione e cura prima del parto e durante l’allattamento, non dobbiamo temere di sciuparne la bellezza con la maternità.

=> Allattamento al seno: guida

Questo periodo probabilmente coincide col momento di massimo splendore femminile: i seni acerbi dell’adolescente si trasformano in un petto pieno e rotondo che ha raggiunto la sua maturità e si trova finalmente a svolgere la sua funzione primaria.

Infatti, durante il periodo dell’allattamento la mammella raggiunge il massimo dell’attività funzionale. Inizialmente produce il colostro, in seguito un liquido giallastro, proteico, denso e ricco di anticorpi che aiuta il neonato nel passaggio dalla nutrizione placentare a quella intestinale. Verso il terzo o quarto giorno dopo il parto avviene la montata lattea.

Durante l’allattamento dobbiamo curare con attenzione l’igiene del capezzolo: mantenere accuratamente pulito e asciutto il seno tra una poppata e l’altra contribuisce ad evitare la formazione di ragadi e di infezioni.

È molto importante che il nostro seno, appesantito dal latte, sia contenuto e sostenuto da un reggiseno che gli consenta di mantenere una posizione il più possibile naturale.

La nostra alimentazione in questo periodo deve essere sana e ricca di sostanze nutritive come durante la gravidanza; dobbiamo assumere liquidi in quantità sufficiente per garantire il flusso di latte.

=> Alimentazione in Allattamento: guida

Allattamento e seno : i dubbi più frequenti delle neomamme

 

L’allattamento può provocarmi dolore ai capezzoli?

Può accadere, ma ricorda che nella maggior parte dei casi tale dolore è dovuto ad una posizione sbagliata o a un modo scorretto del bambino di attaccarsi al seno. Ricorda che’¦ Allattare non significa soffrire. Se ciò accade bisogna trovare il motivo e rimuoverlo.

Ho sentito parlare di ragadi al seno di cosa si tratta?

Se i capezzoli presentano delle screpolature o sanguinano, non si tratta di un normale sintomo dell’allattamento, ma di ragadi. La causa principale di capezzoli dolenti è una posizione scorretta del bambino che deve trovarsi di faccia al capezzolo e pancia contro pancia con la mamma. Il mento del bambino deve trovarsi appena al di sotto del capezzolo e il piccolo deve aprire completamente la bocca per effettuare una buona presa.

Come posso allattare fuori di casa con discrezione?

Oltre a reggiseno e capi di abbigliamento creati appositamente per facilitare l’allattamento, possiamo indossare completi a due pezzi e sollevare la camicia o la maglia dalla vita in su, appoggiando sulla spalla una copertina o il telo che usiamo normalmente per proteggerci dai rigurgiti.

Posso allattare se ho un seno piccolo?

Certamente! La dimensione del seno non ha nulla a che vedere con la produzione del latte. Sono i cambiamenti del seno nel corso dei primi mesi della gravidanza che lo mettono in grado di produrre latte.

E se il bambino dovesse mordere il seno durante l’allattamento?

Se il bambino prende correttamente il latte dal seno, prima di mordere il capezzolo morderebbe la sua stessa lingua! I denti di solito non compaiono prima del 5° o 6° mese e a questo punto sarete senz’altro in grado di riconoscere i suoi messaggi.