Suz Smith: "Allattare in pubblico è più difficile se si è una donna grassa"

Nonostante negli ultimi anni si stia cercando di normalizzare la pratica, ancora troppe persone lo ritengono "inappropriato". Ma le cose sono più complicate per chi subisce più di una discriminazione.

Suz Smith è un’attivista body positive, ha due figli e gestisce l’account Instagram @plussizebreastfeeding, che vuole sensibilizzare sul tema dell’attamento al seno per le donne grasse. “Allattare al seno in pubblico è difficile, punto. Aggiungici il fatto di essere un’identità emarginata ed è ancora più difficile“, si legge all’inizio di un post condiviso sul suo profilo.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Suz Smith | Plus Size Mom (@suzgilliessmith)

Anche solo nei miei commenti, quando pubblico foto o video di allattamento al seno, ricevo giudizi per il fatto di essere grassa“, ha continuato l’attivista, costretta a dover leggere sotto i suoi post frasi d’odio come; “Nessuno vuole vedere tutto questo, è troppo“, oppure: “Il tuo seno è troppo grande perché sei grassa, copriti“.

I test di gravidanza non sono per le persone grasse

Nell’ultimo decennio si è cercato di normalizzare l’allattamento in pubblico. Tuttavia, secondo un sondaggio del 2019, 1 persona su 4 ritiene ancora inappropriata questa pratica, come si legge su HuffPost, a cui Suz Smith ha raccontato di aver subito gli sguardi e i giudizi della gente, per più di un motivo:

Essendo una persona grassa, sono abituata a essere guardata o giudicata in pubblico e penso che questo mi abbia reso più resiliente ai giudizi sull’allattamento al seno. Ho ricevuto molti sguardi cattivi con il mio primo bambino e se ho imparato qualcosa sulla genitorialità, è che qualunque cosa tu scelga di fare, qualcuno avrà sempre un’opinione.

L’attivista ha quindi spiegato:

Ricevo spesso commenti cattivi e persone che mi scrivono dicendomi che sono disgustosa. Tutte queste brutte esperienze mi dicono che devo continuare a fare quello che sto facendo, perché il pubblico in generale non rispetta ancora i bisogni, sia del bambino che di chi allatta.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Allattamento