La routine della buonanotte (per favorire il sonno dei bambini) secondo la scienza

Una guida pratica, concreta e scientifica che informa i genitori su come intraprendere la routine ideale della buonanotte per i bambini. Come metterla in pratica attraverso le 6 fasi consigliate dagli esperti.

Uno studio effettuato da uno psicologo dell’Università di Manchester ha definito per la prima volta, su base scientifica, cosa costituisce la routine ideale della buonanotte per favorire il sonno dei bambini di età compresa tra i 2 e gli 8 anni.

Far addormentare i bambini è per molti genitori una vera e propria impresa che porta, in molti casi, a stress aggiuntivo e frustrazione. La ricerca mostra risultati concreti e spunti ideali su come riuscire a instaurare un rituale della buonanotte seguendo una guida scientifica pensata proprio per i genitori.

La routine ideale della buonanotte per i bambini: la guida scientifica da seguire

Lo studio britannico parte da una definizione concordata da 59 esperti, è pubblicata su  una delle principali riviste scientifiche in campo medico – Plus One –  e fornisce una guida per i genitori che desiderano solo il meglio per i loro figli prima di andare a letto.

Questa guida indica ai genitori il rituale che i propri figli dovranno seguire e prevede 6 fasi cruciali.

  1. Lavarsi i denti prima di andare a letto.
  2. Rispettare l’orario per andare a letto.
  3. Scegliere la favola da leggere prima di andare a letto.
  4. Evitare cibo/bevande prima di andare a letto.
  5. Evitare l’uso di dispositivi elettronici prima di andare a letto, in particolare, vedere YouTube e i video per bambini.
  6. Svolgere attività calmanti con il bambino prima di andare a letto come il bagno, la doccia e la conversazione.

Nello studio vengono elaborati anche due diversi modi per assegnare un punteggio alle routine della buonanotte:

  • uno misura la singola routine;
  • l’altro misura le attività nell’arco di una settimana.

Il Dott. George Kitsaras – capo senior dello studio – ha specificato:

Per ottenere una routine efficace, il genitore dovrebbe mirare a ottenere più di 50 punti.  Questo stesso sistema di punteggio viene utilizzato per un’altra “misurazione dinamica” in cui, a seconda di quante notti alla settimana i genitori realizzano le attività, ricevono punteggi diversi, ponderati moltiplicati per 1,0.

Il Dott. Kitsaras conclude affermando:

La routine della buonanotte sono importanti attività familiari e hanno importanti implicazioni sul benessere, lo sviluppo e la salute dei bambini.

Elena Biondi, la tata del sonno: "Aiuto genitori e bebè a dormire notti serene"

Perché è importante seguire la routine della buonanotte

Prima di questo studio scientifico, afferma il Dott. Kitsaras, non c’è stato un reale consenso scientifico per informare i genitori su quale fosse la strada da seguire per agevolare il rituale del sonno nei bambini da parte delle diverse Organizzazioni sanitarie.

Questa mancanza di una chiara definizione basata sul consenso dei limiti della capacità degli operatori sanitari di comunicare le migliori pratiche in modo efficace con le famiglie ha portato i genitori in confusione ricevendo messaggi contrastanti.

La guida ideata, invece, considera lo stress e le difficoltà dei genitori nello sforzo di far addormentare i propri figli, aggiungendo le migliori pratiche e i pareri scientifici disponibili. In pratica, lo studio fornisce per la prima volta una guida esperta e basata su dati scientifici.

Come la Pandemia ha cambiato il sonno dei bambini (e come ristabilirlo)

Il parere degli esperti per favorire il sonno dei bambini

Ogni pratica che il bambino, insieme al genitore, deve seguire prima di andare a letto ha delle radici solide che vanno aldilà del semplice gesto meccanico di lavare i denti o di fare il bagno. Gli psicologici, i medici e gli scienziati, hanno analizzato il valore che queste due attività hanno sul benessere fisico del bimbo nel tempo.

  1. Lavare i denti. Esistono forti legami tra pratiche di igiene orale inadeguate e carie dentale nei bambini e negli adulti. Per i bambini, la carie della prima infanzia può portare a una maggiore incidenza di malattie dentali in età avanzata e, in alcuni casi, la carie infantile non trattata può portare a estrazioni in generale anestetico che causa ulteriori problemi a bambini e genitori.
  2. Fare la doccia o il bagno ogni sera. Questa routine è stata considerata dagli esperti come parte di un bagaglio più ampio di interazioni bambino-genitore piuttosto che una pratica autonoma mirata.

Il Dott. Kitsaras ha concluso dicendo:

Tutte le attività intorno al momento di coricarsi sono importanti per lo sviluppo e il benessere dei bambini.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Bambino (1-6 anni)
  • Scienza