Covid-19 e allattamento materno: uno studio rivela come il virus non viene trasmesso dalla mamma positiva al neonato durante l’allattamento. Questo è il risultato ottenuto dalla ricerca scientifica condotta dal reparto di Neonatologia dell’Università di Tornino e dal Laboratorio universitario di Virologia Molecolare del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche.

Il latte materno, dunque, è sicuro e non trasmette il virus al bambino. Questo studio risulta molto importante al fine dell’allattamento e del buon sviluppo psicofisico del neonato. Inizialmente, quando la pandemia ha iniziato a dilagarsi in tutto il mondo, l’interrogativo di mamme e dottori era incentrato proprio su questo: non si conosceva ancora l’esito di una possibile diffusione del Covid-19 al bambino attraverso l’allattamento al seno di una madre positiva al virus. 

Le informazioni che girano attorno al tema sono molto scarse e portano alcuni Paese, quali la Cina, ha dare indicazioni di sospendere il latte materno qualora la mamma risulti positiva al Covid-19 e somministrare al neonato il latte in formula. Ecco perché, questa ricerca scientifica è di fondamentale importanza per la salute del neonato e della mamma. Dunque, non ci resta che analizzare meglio i dati e le indicazioni scaturite dallo studio effettuato.

L’allattamento materno non trasmette il Covid al neonato

A dimostrare che una mamma positiva al Covid-19 non trasmetta, durante l’allattamento, il virus al proprio bambino è stata una ricerca scientifica condotta dal reparto di Neonatologia universitaria dell’ospedale di Sant’Anna (diretta dal Prof. Enrico Bertino) in collaborazione con il Laboratorio di Scienze Cliniche e Biologiche dell’università di Torino (diretto dal Prof. David Lembo).

I risultati della ricerca multicentrica italiana sono appena stati pubblicati dalla rivista scientifica Frontiers in Pediatrics. Si tratta dello studio con la casistica più numerosa finora condotto in Europa e l’unico in cui la ricerca del virus nel latte è stata abbinata alla valutazione clinica dei neonati nel durante l’allattamento.

I risultati dello studio condotto in Italia saranno presentati in anteprima questo venerdì 2 ottobre al Meeting della European Milk Bank Association.

Lo studio condotto sulle mamme positive al virus e l’allattamento

Lo studio di immenso valore scientifico ha analizzato i campioni di latte di 14 mamme positive al Covid-19 post-parto. La ricerca ha monitorato i figli di tali donne positive nel primo mese di vita. I risultati sono stati notevoli in quanto si è notato come i campioni di latte fossero negativi al SARS-CoV-2 in 13 campioni, mentre, sono in 1 caso è stata identificata, per un breve lasso di tempo, la presenza dell’RNA virale.

Il dato rilevante e che ha confortato il team di ricercatori è stato che tutti i neonati, allattati seguendo scrupolosamente le regole raccomandate dai dottori, ovvero uso della mascherina, lavaggio completo e approfondito delle mani e sanificazione delle superfici e degli oggetti usati, non hanno dato alcun segno di malattia. 

In questo campione analizzato, hanno avuto esito negativo al Covid-19 risultando in buona salute nel primo mese di vita, anche i 4 neonati le cui mamme si erano ammalate appena subito il parto e che inizialmente, erano risultati positivi al virus, compreso quello con presenza del virus nel latte materno.

Le analisi molecolari sui campioni di latte presi in esame dalla ricerca effettuata sono state condotte nei Laboratori ospedalieri di Microbiologia della Città della Salute e dell’ospedale San Luigi Gonzaga, diretti rispettivamente dalla Prof.ssa Rossana Cavallo e dai Dottori Giuseppina Viberti e Giuseppe De Renzi.

Le 5 infezioni pericolose per la gravidanza

Il parere scientifico sui risultati ottenuti dalla ricerca

Il Professor Enrico Bertino, in merito ai risultati ottenuti dalla ricerca scientifica a cui ha fatto capo, ha dichiarato:

Questi risultati sono rassicuranti per le mamme e per gli operatori sanitari che si occupano della salute della madre e del bambino. La ricerca supporta anche le recenti raccomandazioni dell’OMS che, nonostante le limitate informazioni finora disponibili, in considerazione di tutti i benefici, anche immunologici, dell’allattamento materno, lo ha recentemente raccomandato anche per le mamme positive

Il Prof. Davide Lembo ha aggiunto, in merito ai risultati ottenuti dalla scienza sul tema:

Da diversi anni stiamo studiando le proprietà antivirali del latte materno e abbiamo identificato nuovi componenti attivi che potrebbero proteggere il lattante dalle infezioni virali. Anche per questo motivo, salvo poche eccezioni, l’allattamento al seno è una risorsa importante per la salute del neonato

Non ci resta che ringraziare, ancora una volta, la scienza per i grandi passi avanti che sono stati fatti nel bene dell’umanità e, in questo caso, nel bene più prezioso che il mondo possa mai avere: il futuro dei neonati. Un bambino sano sarà un adulto forte.

  • Il latte non fa una mamma

Categorie