Vaccino contro la pertosse in gravidanza: perché farlo - GravidanzaOnLine

Antonella

chiede:

Sono al sesto mese di gravidanza primipara. All’eta di 8 anni ha avuto la pertosse, e ora mi hanno consigliato di fare il vaccino antipertosse. Ho dei dubbi sul da farsi. Gradirei una sua risposta in merito. Grazie.

Dott. Sandro Zucca

Dott. Sandro Zucca

risponde:

Buongiorno, si tolga ogni dubbio e si faccia vaccinare per aumentare il suo livello di anticorpi, passarli al bimbo attraverso la placenta e proteggerlo durante i primi mesi di vita, quando le sue difese naturali non saranno ancora attive. La pertosse neonatale è infatti una malattia di notevole gravità, con esiti gravi imprevedibili. Il periodo ideale per vaccinarsi è 28-32 settimane di gestazione; il vaccino è inoltre attivo anche contro difterite e tetano. Contatti quindi la sua ASL/ATS se gli ambulatori vaccinale avranno ripreso il loro funzionamento, attualmente spesso bloccato nell’ambito delle norme anti coronavirus.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie