Utero fibromatoso e cisti paraovarica - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile Dottore, sono Mara, ho 38 anni e sono alla ricerca di una gravidanza
da quasi 3 anni.
Non ho figli, circa due anni fa mi è stato diagnosticato un mioma
sottomucoso che l’ho asportato con una isteroscopia operativa.
Poi il ginecologo mi ha detto che avevo una ciste paraovarica, in più utero
indurito e fibromatoso, però mi ha rassicurata dicendo che non ci sarebbero
stati dei problemi per una gravidanza.
Circa due mesi fa ho fatto una ISG con un esito diciamo nella norma, senza
grossi problemi, e alla fine con note di flogosi pelvica.
E l’ultima ecografia transvaginale fatta il22/04/2011 al 12 giorno del
ciclo:
UTERO: retroversoflesso, vuoto di volume normale, con margini regolari ed
ecostruttura disomogenea per micronodulia diffusa.
Il diametro antero-posteriore misura 47.9mm.
Il diametro traverso misura 62.3mm.
L’sterometria è 57.4mm.
Endometrio 8.5mm.
OVAIO DESTRO: è in sede, mostra ecostruttura normale e misura 19.1×12.8mm.
OVAIO SINISTRO: è in sede, mostra ecostruttura normale e misura 29.8×26.7. Nel
suo contesto è presente follicolo preovulatorio di 22.7mm.
Al polo inferiore cisti paraovarica di 15.5×12.0mm.
Douglas:è libero di masse e versamenti.
Questa ciste potrebbe darmi dei problemi? Il mio più grande dubbio è: si può
riconoscere ed esserne sicuro che sia una ciste paraovarica e non
qualcosa’altro? La forma è molto tonda e nel tempo, da quando cerco la
gravidanza, ho fatto molte ecografie transvaginale e ho osservato la sua
grandezza che varia da 14.7mm a 16.2mm.
La ringrazio in anticipo per la risposta e porgo i miei saluti.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Mara, la presenza di una formazione cistica paraovarica in una donna con ovaie di aspetto regolare e follicoli preovulatori non costituisce un ostacolo per il concepimento.
Auguri

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo