Sonno e agitazione improvvisa | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Salve gentili dottori, spero che uno di voi potrà aiutarmi. Sono una ragazza molto giovane, ho 21 anni ma già da piccola soffro di forte ansia e attacchi di panico (facendo un’attenta analisi di me stessa ho individuato che ciò che mi accade proviene soprattutto dalla mia famiglia che in passato, anche se volendomi un gran bene, mi hanno trasmesso queste emozioni). Ma non è di questo che voglio parlare, negli ultimi mesi mi si è presentato un altro problema che non riesco più a gestire. Mi sento improvvisamente stanca anche se dormo molto o se non ho fatto nulla ma questa sonnolenza è strana mi spiego meglio: da una parte ho desiderio di correre subito nel mio letto e chiudere gli occhi e desiderare il giorno dopo ma dall’altra sento una sensazione di irrequietezza, frustrazione, agitazione e nervosismo. A volte mi sforzo di voler mettere fine a questa sensazione magari è pomeriggio troppo presto per mettermi a letto ma più tempo passa e più questo misto di sonno e agitazione aumenta. Sono contenta, innamorata ma non felice, anche se faccio un lavoro che mi piace abbastanza, eppure mi scoccio di fare tutto, solo il pensiero di uscire a fare una passeggiata mi annoia. Passo ore sul divano ed il mio umore cambia in continuazione, me la prendo per tutto e sono sempre aggressiva. A volte tra gli attacchi di panico (che a volte sembra che puoi morire) e queste nuove sensazioni mi sento una pazza. Per favore a volte una piccola risposta può rivelarsi una strada da seguire… In questo mio discorso la mia domanda principale è: cosa può essere questa specie di sonno e agitazione improvvisa che mi viene facendomi sperare di addormentarmi e finire presto la giornata? Come posso fare per non farlo capitare? Aspetto con ansia risposte e vi ringrazio in anticipo per la vostra attenzione

Salve, credo che il disagio accennato (“sonnolenza”, “umore cambia in continuazione”, “ansia”, “attacchi di panico”) meriti un approfondimento per meglio comprenderlo e superarlo: la invito a parlarne con il suo medico di base e/o effettuare un colloquio con uno psicologo. Chiedere aiuto è il primo passo per raggiungere l’obiettivo di stare meglio. I migliori auguri.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo

Categorie