Residuo imenale e parto naturale - GravidanzaOnLine

Mariangela

chiede:

Salve, le scrivo perché ho un dubbio sul parto, anche se ancora è presto per pensarci. Dopo il mio primo rapporto sessuale, tanti anni fa, mi sono in seguito accorta di avere un residuo dell’imene, ovvero un pezzettino di carne che esce dalla vagina che non mi ha mai creato problemi, se non un po’ di vergogna. Ho paura che durante il parto possa invece dare dei problemi o complicanze, visto che comunque è molto rigido e nonostante siano passati anni è ancora sempre lì. Le volevo chiedere se me lo toglieranno durante il parto, se ci sarà rischio di emorragie o se potrò fare un piccolo intervento con anestesia prima del parto. Grazie mille per l’attenzione.

Dott. Luca Zurzolo

Dott. Luca Zurzolo

risponde:

Gentile signora, il residuo imenale non le creerà nessun problema né in termini di spazio né di eventuali emorragie: non è necessario fare nulla prima del parto. Potrebbe accadere che al passaggio della testa fetale venga abraso e quindi spontaneamente eliminato. In bocca al lupo per la gravidanza.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie