Anonimo

chiede:

Salve, mi chiamo Stefania ho 40 anni e sono alla mia terza gravidanza. La mia prima gravidanza risale al 1986 ed è andato tutto bene, parto naturale, figlia stupenda! La mia seconda gravidanza risale al 2006, parto naturale ma con aggravante di pubalgia dal settimo mese. Il parto è stato naturale, ma ho spinto per tre ore con dolori atroci tanto che non distinguevo le spinte della mia seconda bambina con il dolore della pubalgia… è stato dolorosissimo! Ora la mia domanda è la seguente: sono alla 17^ settimana e tutto ok, la mia DPP è il 23 Luglio 2008… ma se mi dovesse tornare la pubalgia che cosa mi consiglia di fare? Io non vorrei stare di nuovo in sala parto le ore (dopo 6-7 di travaglio); ci sono alternative alle donne che arrivano al parto con una grave pubalgia? Posso fare qualcosa adesso, durante la gravidanza, per poterla magari evitare? Grazie e buon lavoro!

Gentile Stefania, purtroppo la pubalgia è provocata dalla diastasi delle ossa pubiche e potrebbe anche non ripresentarsi. Se volesse essere sicura di non soffrirne nuovamente, unica soluzione sarebbe di affrontare il parto in analgesia peridurale. Ne parli con il suo ginecologo. Auguri

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo