Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono una ragazza di 34 anni, sono nel corso della 14° settimana di gravidanza e da circa due settimane sento un senso di pesantezza nella zona pelvica, e una fuoriuscita dalla vagina di una protuberanza che mi ha molto spaventata.
Ho fatto una visita ginecologica e mi è stato diagnosticato prolasso della zona genitale. Vorrei sapere come comportarmi durante la gravidanza in quanto tale disturbo comporta dei fastidi non indifferenti sia per camminare (ho sempre la sensazione che stia uscendo qualcosa) sia per sedermi (mi sembra di comprimere qualcosa e avverto dolore).
E poi soprattutto vorrei sapere se devo preoccuparmi in vista del parto… vorrei sapere se questo prolasso potrebbe peggiorare a causa dell’enorme sforzo che dovrò affrontare.
Vi ringrazio anticipatamente.

Redazione

Redazione

risponde:

Cara Marisa, in genere il prolasso genitale non crea problemi al parto e non determina variazioni della condotta di espletamento (ovviamente occorre una valutazione diretta per potere esprimere un parere corretto). Il quadro della situazione e la eventuale modalità di intervento, verrà eseguito dopo la gravidanza. Ovviamente ne parli con il medico ginecologo che segue la gravidanza.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo