Anonimo

chiede:

Salve, mi trovo in una situazione di forte stress lavorativo,
questo da prima della gravidanza, e se prima stavo seriamente pensando
al licenziamento perché soffrivo (e soffro) di insonnia, palpitazioni,
nervosismo ecc… insomma tutto ciò che può essere provocato da una
situazione di tensione e pressione continua; adesso sono in attesa da
6 settimane e sento che fisicamente e mentalmente non ce la faccio
più, dato che oltre a ciò che già avevo si aggiungono nausee, vomito
e tutti i malesseri tipici della gravidanza.
Inoltre ho cercato di parlare col datore di lavoro facendogli presente
che la mole di lavoro che ho in carico è superiore alle mie capacità,
ma ha fatto orecchie da mercante e mi si prospetta un periodo
faticosissimo al quale non penso di riuscire a far fronte. Vedo nella
maternità anticipata l’unico rimedio per tutelare la mia salute, ma
non ho mai sentito parlare di una maternità anticipata per stress e ho
paura di non essere capita… Cosa mi consigliate?

Redazione

Redazione

risponde:

Salve, anzitutto parli con il suo ginecologo illustrandogli la
situazione e facendogli capire che non si tratta di una maternità
“strategica”, ma dell’unico modo per iniziare e terminare una gravidanza “sicura e senza stress” per lei ed il nascituro. D’altra parte la scienza medica insegna che in gravidanza l’aspetto psicologico armonioso (assenza di stress, ansia, insonnia) è un elemento fondamentale per la
buona riuscita dell’evento. Cordialità

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Avvocato