Perdite ematiche dopo aborto terapeutico alla 22settimana - GravidanzaOnLine

Perdite ematiche dopo aborto terapeutico alla 22settimana

Anonimo

chiede:

Gentile Dottore, sono Valentina ho 31 anni, le premetto che ho già due figli, partoriti con taglio cesareo, detto questo vi racconto in breve la mia esperienza: ad agosto 2010 scopro con grande gioia di essere incinta; fino alla settima settimana tutto bene, all’ottava invece un giorno ho abbondanti perdite rosso vivo, mi reco dal mio ginecologo e scopro che la mia era una gravidanza gemellare, solo che uno dei due piccoli non ce l’ha fatta, mentre l’altro risulta stare bene e che cresce nella norma, però c’era il distacco della placenta che poi si è sistemato; però da quel giorno, nonostante io sia stata sempre a riposo, ho sempre avuto abbondanti perdite rosso vivo, e nonostante continui controlli, il mio ginecologo, diceva che era tutto a posto e mi faceva prendere Tranex e Spasmex, e in più facevo a giorni alterni iniezioni di Lentogest, però giunti alla ventiduesima settimana, e avvenuta la rottura prematura delle acque, quindi il 18/12/2010 ho eseguito l’aborto terapeutico, con totale espulsione. Ora le chiedo come mai a tutt’oggi ho ancora perdite ematiche e soprattutto le chiedo se questo è normale. La ringrazio in anticipo, e mi scuso se mi sono dilungata, ma volevo farle presente tutta la situazione. La saluto cordialmente e la ringrazio ancora.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Valentina,
per rispondere alla sua domanda occorrono una visita, un’ecografia transvaginale ed eventuali altre indagini. Senza tutto questo possiamo fare solo ipotesi, sicuramente più inattendibili di quanto le abbiano già detto i colleghi che l’hanno visitata. Mi dispiace. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo