Anonimo

chiede:

Gentile Avvocato, sono una lavoratrice del settore turistico-alberghiero, assunta con contratto a tempo determinato di sei mesi, in scadenza il 31.10.15. Sono alla 15 settimana di gravidanza e la dpp è per il 31.03.16. È da un po’ che non mi sento molto in forma e il medico vorrebbe che mi astenessi dall’attività lavorativa. Fino ad ora ho preferito non assentarmi, vista la piena stagione turistica, ma vorrei farlo ora. Mancando solo 3 settimane allo scadere del contratto, come dovrei muovermi? Devo chiedere normale malattia fino alla scadenza e poi la disoccupazione? O la maternità? Nel caso della maternità, sarebbe considerata come astensione facoltativa o come normale maternità, visto che verrebbe prescritta dal medico? Richiedendo la maternità, dal 1.novembre devo fare domanda di disoccupazione, continuando a percepire la maternità o questa mi verrebbe interrotta, sostituita con la disoccupazione, per poi percepire la maternità obbligatoria da 2 mesi prima del parto? Mi scuso per tutte le domande poste, ma ho le idee molto confuse e non ho fino ad ora ricevuto le giuste delucidazioni in merito. La ringrazio per l’attenzione che vorrà accordarmi. Cordiali saluti.

Gentile Monica
può chiedere la maternità che può essere concessa in anticipo solo in determinati casi quali gravidanza a rischio o lavoro rischioso, quindi se le verrà data la maternità anticipata sarà maternità obbligatoria a tutti gli effetti e per tutto il periodo previsto. Allo scadere del contratto faccia domanda di disoccupazione che verrà sostituita dalla maternità per il periodo previsto, per poi riprendere la disoccupazione interrotta.
Cordialmente

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Avvocato