Anonimo

chiede:

Salve, mi chiamo Sofia e ho 26 anni.
Lavoro da due e anni mezzo con contratti a progetto presso una
cooperativa.
Sono incinta alla dodicesima settimana.
Sono andata all’inps per chiedere l’indennità di maternità e mi hanno
detto
che una volta nato il bambino, faranno il conteggio dei contributi
versati
e mi diranno se ne ho diritto, ma non c’è un modo per calcolarmi da sola
se
ne avrò diritto oppure no, senza dover aspettare?
Vi chiedo un’altra cosa, nel caso la mia fosse una gravidanza a rischio,
cosa
succederebbe? Dovrei ovviamente smettere di lavorare, ma a quel punto avrei
lo
stesso l’indennità di maternità (ammesso che me la diano)? Grazie e arrivederci.

Redazione

Redazione

risponde:

Buonasera, talvolta è facile ricevere indicazioni generiche e dozzinali. Se
è una gravidanza a rischio deve farsi fare una specifica certificazione dal
ginecologo (anche ASL). In caso diverso si rispetta la legge, ovvero
astensione obbligatoria e quindi facoltativa. La contribuzione previdenziale
è garantita. Cordialmente

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Avvocato