Anonimo

chiede:

Salve! Sono un’infermiera, a novembre ho fatto domanda di mobilità a compensazione, talmente lente le pratiche che nel frattempo sono rimasta incinta. Ora la mia mobilità è stata accettata manca solo la delibera dell’azienda che mi deve accettare, ora io dovrei fare la visita dal medico competente per le limitazioni, ma la mia paura è se l’altra azienda lo viene a sapere? Può inventare qualsiasi scusa per non accettarmi. D’altro canto se lo sa solo dopo la mobilità cosa potrebbe accadere? Spero in una sua risposta cordiali saluti.

Gentile Signora, Lei non è tenuta ad avvisare il datore di lavoro dello stato di gravidanza, se non nel momento in cui presenta domanda di congedo per maternità anticipata o obbligatoria. Tuttavia dal momento stesso del verificarsi della gravidanza Lei non può essere licenziata, pena l’illegittimità del licenziamento medesimo. Come ho più volte ricordato, la gravidanza rileva come fatto oggettivo a prescindere dalla sua comunicazione al datore di lavoro. Quanto alla mobilità, questa slitterà per tutto il periodo di astensione obbligatoria. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Avvocato