Anonimo

chiede:

Ho 35 anni e sono al settimo mese della
seconda gravidanza ma sono preoccupata per il mio parto che non so se
sarà naturale o cesareo, in quanto la mia ginecologa non si esprime,
quindi comincio a pensare che non sa cosa fare. Spiego, durante la
prima gravidanza mi erano uscite delle varici vulvari e ho fatto parto
naturale con conseguente apertura che mi hanno causato dolore e non
sono riuscita ad allattare in quanto era impossibile stare seduta. Ora
già dal secondo mese sono uscite tantissime e in più un ernia
inguinale o crurale. Vorrei sapere cosa posso fare e cosa sarebbe
meglio per me, perché ora al settimo mese l’ernia fa male e le varici
pure ed entrambi situati a sinistra della vagina e poi sembra che sta
uscendo anche qualche varice interna, possibile? Grazie dottori per
l’eventuale risposta

Redazione

Redazione

risponde:

In un caso come questo è assolutamente impossibile impostare quale sarà
l’evoluzione del parto. Tutto dovrà essere deciso al momento
dell’instaurazione del travaglio. A meno che non si voglia bypassare
l’ostacolo procedendo ad un Taglio Cesareo, che non avrebbe alcuna
giustificazione sul piano clinico.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo