"Con un ciclo di 22 giorni l'ovulazione è anticipata?"

Anonimo

chiede:

Buongiorno dottore, ho 32 anni e le scrivo perché dopo molti anni di pillola, l’ho smessa per cercare una gravidanza con mio marito. Dopo aver smesso con gli anticoncezionali, il mio ciclo è diventato di 22 giorni: significa che l’ovulazione è anticipata? Sono infatti 4 mesi che ho rapporti non protetti e (presumo) mirati, ma non sono ancora rimasta incinta. La ringrazio per la risposta.

Gentile signora, innanzitutto non disperi. Lei è giovane e potrà avere molti figli. Tenga presente che dopo un anno di rapporti liberi rimane gravida l’80% delle donne, quindi non tutte e non subito.

Lei riferisce di avere cicli di 22 giorni (intendo contando dall’inizio di un ciclo all’inizio di quello successivo) e questo fa sorgere il dubbio che non ci sia ovulazione o che la fase luteinica sia breve, insufficiente.

Un buon metodo per valutare la presenza o meno dell’ovulazione è la misurazione della temperatura basale e sul web potrà trovare grafici e spiegazioni sul come rilevarla. In caso di assenza o ovulazione anomala occorrerà rivolgersi a uno specialista per valutare il problema. Infine ricordo che i figli si fanno in due e le cause maschili di infertilità o sterilità sono circa il 50% computando anche le cause di coppia.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo