Anonimo

chiede:

Buonasera, sono in attesa del quinto mese di gravidanza, lavoro presso una piccola azienda come commessa full time a tempo indeterminato. Per non inimicarmi il datore di lavoro ho intenzione di lavorare fino a quando starò bene malgrado per patologie mie e per situazioni lavorative mi sia stata prospettata la possibilità della maternità a rischio. Il mio timore è il seguente: spesso tramite prestanome la mia azienda effettua cambi di gestione, tali per cui noi impiegate veniamo licenziate e riassunte (quando tutto va bene). Al momento, c’è una collega in maternità a rischio, io che sto lavorando e una recente collega con contratto in scadenza che a breve si metterà in gravidanza a rischio. Il mio timore è che il datore di lavoro possa nuovamente cambiare gestione e in quel caso eliminare tutte le persone scomode per non pagare le maternità e in quel caso io resterei fregata in quanto avrei lavorato fino all’ultimo per non vedermi pagata nemmeno la maternità obbligatoria. Esiste una tutela in merito o se questo cambio di gestione avvenisse sarebbe proprio come temo? Vi ringrazio anticipatamente per l’aiuto e resto in attesa di un vostro consiglio in merito. Cordiali saluti.

Gentile sig.ra, nel caso in cui lei venga licenziata, avrà comunque diritto alla maternità obbligatoria. Infatti la maternità viene erogata dall’INPS e solo anticipata dal datore di lavoro, ove sussista un rapporto di lavoro. Nel caso in cui venga licenziata, faccia domanda per l’indennità di disoccupazione che, durante il periodo di maternità, verrà sostituita dalla maternità obbligatoria.
Cordialmente

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Avvocato