Embriodonazione in terra straniera - GravidanzaOnLine

Embriodonazione in terra straniera

Anonimo

chiede:

Gentili Dottori, sono una donna di 55 anni che desidera un bimbo. Sono in menopausa naturale da circa 2 anni. Ottima salute, altezza e peso nella norma. Necessito di embriodonazione, in quanto sono felicemente single. Dal centro estero che ho contattato mi hanno prescritto per preparare l’utero all’accoglimento degli embrioni, Sandrena gel – 3 volte al giorno, 0,1 mg. di Sandrena gel e Progeffik 400 mg. – (Sandrena fino al 22-10-2012 e Progeffik dal 13/10 al 22/10/2012.). Al mio ginecologo la dose di Sandrena è sembrata bassa, così mi ha detto di usare 0,2 mg di Sandrena gel 3 volte al giorno invece di 0,1 mg. Anche al ginecologo di mia madre, che però non si occupa di pma, la dose di 0,1 mg è sembrata bassa. Il mio ginecologo è molto esperto nel campo della pma, però mi ha detto di essere abituato più ai protocolli europei che a quelli extraeuropei. Mi hanno scritto di fare una puntura di Decapeptyl 3.75 il 24′ giorno del ciclo (19-10-12.). Ho fatto un’ecografia transvaginale 2 giorni prima del ciclo e l’endometrio era trilaminare e dello spessore di mm. 15,7. Il ciclo è venuto regolarmente. Poi ho fatto un’altra ecografia al IV giorno del ciclo e l’endometrio era sui 2 mm. Dall’estero mi hanno scritto di ricominciare ad usare Sandrena gel, questa volta alla dose che dice il mio ginecologo. La dose che mi ha prescritto e che sto seguendo è di 0,2 mg tre volte al giorno. Dopo 8 giorni dall’uso del gel vogliono inviata un’ecografia. Poi mi hanno prescritto 6 punture di Decapeptyl 0,1 mg da fare dal 13/11 al 18/11/12. Vorrei cortesemente sapere se il valore 15,7 mm. è troppo alto visto che, mi hanno detto, il valore ideale al momento del transfer embrionario, dovrebbe essere 9 – 10 mm, endometrio trilaminare. Un’altra domanda: potrei, in ipotesi, portare avanti una gravidanza gemellare alla mia età, giovane sì, ma non ideale per avere un figlio? Vi prego caldamente di non sottovalutare situazioni come la mia; non sono decisioni facili anche se si discostano da quello cui la maggior parte delle persone è abituata. Vi ringrazio di un’eventuale risposta e vi porgo distinti saluti.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signora, la sua decisione è sicuramente particolare, ma non per questo non meritevole di risposta.
Dal punto di vista dei dati clinici dovrebbe chiedere conferma al centro che la segue, di solito lo spessore endometriale indicato è il limite inferiore, quindi uno spessore superiore non dovrebbe essere un ostacolo.
Auguri

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo