Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono assunta con contratto di sostituzione maternità da novembre 2014. La data di scadenza non è espressa nel contratto in quanto quest’ultimo si intende risolto al rientro della gestante. La data di rientro (oltretutto comunicato più volte verbalmente dalla gestante) è il 30 luglio, ma ieri ha comunicato di voler proseguire l’assenza per qualche altro mese. Io ho già fatto altri progetti per agosto, dato che la tizia aveva assicurato il rientro in azienda, dunque sarò costretta a dare le dimissioni dopo il 30 luglio per poter lasciare il lavoro. Il datore di lavoro è già a conoscenza delle mie intenzioni, ma come mi devo comportare? È necessario un preavviso? Devo presentare una lettera per iscritto? Inoltre, visto la scadenza non indicata nel contratto, ed il termine del periodo di maternità obbligatoria, volevo sapere se c’è un modo che mi permetta di usufruire comunque del sussidio di disoccupazione. Grazie in anticipo

Gentile Sig.ra, l’unico modo per usufruire dell’indennità di disoccupazione è quello di essere licenziata, quindi se i suoi progetti per agosto sono rimandabili, continui il lavoro e aspetti la scadenza naturale.
Cordialmente

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Avvocato