Cisterna magna | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentilissimo Dottor Annona, mi chiamo Francesco e scrivo dalla Sicilia (Agrigento). Ho avuto modo di potere visitare il suo sito e il suo staff, nonchè le sue prestazioni e i filmati sulle varie patologie e/o sindromi, che possono verificarsi durante la gravidanza, ho percepito la grande professionalità, nonché l’accuratezza dei particolari da lei trattati, potrebbe non essere nel suo stile, ma per la disperazione, devo comunque scriverle per quello che è il “mio” caso che le vado a prospettare. Sono padre di un bimbo di 4 anni vivacissimo e che sta bene, primo parto di mia moglie naturale senza complicazioni. Adesso siamo alle prese con la seguente condizione: ci troviamo alla 33esima settimana, e già dalla 25 esima ci siamo ritrovati con in ultima ecografia una ampia cisterna magna che misurava circa 18 mm. Tale condizione è andata avanti sino all’ultimo referto che quivì riporto fedelmente (10.12.2012): Fattori di rischio: Nessuno. Fattori limitanti l’esame: Nessuno N° 01 Feto; Situazione longitudinale e presentazione podalica. dbp 87 mm; cc 306 mm; ca 323 mm; lunghezza femore 67 mm, attività cardiaca presente, placenta posteriore, liquido amniotico normale. Accrescimento: Biometria non corrispondente all’epoca gestazionale corretta con le precedenti ecografie. OSSERVAZIONI: Rispetto ai controlli precedenti permane invariato l’aumento della cisterna magna. Non si evidenzia cleft del verme che appare integro. In sezione sagittale si evidenzia un corpo calloso integro e un verme cerebellare di 20 mm che appare compatibile con l’epoca gestazionale non ruotato. L’ipotesi maggiormente accreditata è verso una maga cisterna magna. Ho parlato alla coppia spiegando l’autcome favorevole della stessa. Si consiglia controllo ostetrico a 15gg. ( 23 dicembre ) Siamo ovviamente molto preoccupati, mia moglie ha 33 anni, non ci sono casi sindromatici nelle nostre famiglie, se può essere utile ci sono due casi nella famiglia di mia moglie di parti gemellari, dovuti ad una doppia ovulazione rispettivamente della sorella di mia moglie e della prima cugina, cosa che la ginecologa aveva riscontrato anche a mia moglie prima della gravidanza in questione. Dottore, abbiamo fatto tutti gli accertamenti diciamo naturali che vengono fatti durante la gestazione, mia moglie fa una ecografia a settimana, una nella mia città e l’altra a Palermo, in quest’ultimo capoluogo l’apparecchiatura utilizzata e la Voluson 6, che comunque non discosta tanto le misure della cisterna che rimangono sempre di circa 18 mm, inoltre non hanno constatato presenze di cisti aracnoidee e di Blake, tutto il resto è perfettamente ok e il bambino è un bel bambinone che pesa circa 2.700 gr, ma si è presentato sempre più grande e grosso sin dall’inizio. Fino ad adesso l’unica cosa che abbiamo potuto vedere e che mia moglie ha contratto il Parvovirus e ha sviluppato gli anticorpi, anche se non abbiamo datato la cosa in quanto il ginecologo di Palermo, ci ha riferito che è poco probabile che l’aumento della cisterna magna sia riconducibile a questa infezione. Ribadisco non vi è nessun altro elemento aggiuntivo, nel senso che i ventricoli laterali sono ok,il verme esiste è normoruotato e delle dimensioni idonee all’epoca gestazionale. Dottore posso sapere lei cosa ne pensa di questa situazione e che tipo di aspettative può avere mio figlio se la situazione rimanesse questa e se secondo la sua esperienza vi sono delle probabilità che la situazione degeneri in altro? Speranzoso di ricevere un parere da parte sua, fin da adesso le auguro Buon Lavoro. Con Osservanza

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Francesco, dalla descrizione di tutti i controlli effettuati si evince che il caso è seguito molto bene, e che non è stato trascurato nessun aspetto. Infatti quel che occorre verificare in tali casi è che non ci siano anomalie associate alla condizione di mega cisterna magna. E questo è stato ampiamente fatto. Ora siamo a 33 settimane, per cui non resta che incrociare le dita ed affidarsi ad un sano ottimismo. Inutile considerare ipotesi di peggioramento, peraltro sempre presenti in qualunque gravidanza. Cercate di essere sereni. Che non sia ancora venuto fuori nulla di serio è già un buon segno. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo