Anonimo

chiede:

Buongiorno, a metà marzo 2015 ho finalmente firmato un contratto a tempo indeterminato dopo lunghi anni di co.co.pro e contratti a termine. Volendo in un futuro prossimo avere un figlio, e avendo ormai 33 anni, chiedo se c’è un tempo minimo dalla firma del contratto, o un minimo di contributi che devono essere versati dal datore di lavoro, per poter avere la maternità dall’inps. Inoltre il datore di lavoro potrebbe licenziarmi se io da qui a qualche mese restassi incinta? Grazie per la cortese attenzione.

Gentile sig.ra, non vi è un tempo minimo dalla firma del contratto di lavoro per poter avere la maternità. Quando deciderà di avere un figlio non avrà nessun problema. Per quanto riguarda il licenziamento, la legge tutela la maternità, per cui il licenziamento non può essere erogato se non per giusta causa fino a tutto l’anno di vita del nascituro.
Cordialmente

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Avvocato