Anonimo

chiede:

Salve, Sono nella 26esima settimana e il cordone ombelicale ha sviluppato una sola vena e, a quanto pare, anche l’arteria di sinistra non è ancora aperta. Il mio ginecologo non mi ha elencato i rischi, ma ha detto che d’ora in poi sarà necessario monitorare il feto ogni 3 settimane con dei monitoraggi specifici. Sono un po’ preoccupata poiché, leggendo qua e là, ho scoperto che i rischi di malformazioni in casi di arteria unica sono frequenti. Mi chiedo, Il rischio è associato a un eventuale parto prematuro o a qualcosa di più preoccupante, malformazioni genetiche o cose simili? Grazie mille

Dott. Sandro Zucca

Dott. Sandro Zucca

risponde:

Buongiorno, normalmente nel cordone ombelicale sono presenti due arterie e un singola vena, quindi non è esattamente come riferisce lei nella sua domanda. Immagino che sia invece presente una sola arteria: ciò è talvolta associato ad anomalie cromosomiche (5/10%), a cardiopatie, ad anomalie della vescica, per citare le più frequenti.

Nella maggioranza dei casi invece non vi sono problematiche di tal genere. È quindi opportuno eseguire un’ecografia dettagliata in un centro di secondo livello, e un esame ecocardiografico fetale. Se venissero dimostrate anomalie associate all’arteria ombelicale singola è indicata anche l’amniocentesi per lo studio dei cromosomi.

Infine, è certamente da condividere il consiglio del suo medico di sorvegliare attentamente la funzionalità della placenta, il regolare accrescimento del bimbo, la normale quantità del liquido amniotico. Questi dati le consentono comunque, dal punto di vista del rischio, di essere ben ottimista sull’esito della sua gravidanza. Con tanti auguri.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie