Agenesia del setto pellucido e del corpo calloso - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Sono alla prima gravidanza ed alla 25a settimana+5. Oggi a seguito di una
ecografia di secondo livello il medico mi ha diagnosticato, seppur con
tanti dubbi, una agenesia del setto pellucido e del corpo calloso.
Il medico non è stato in grado di valutare se l’agenesia è completa o
parziale e ci ha consigliato una Risonanza magnetica fetale.
Ma dove si può effettuare tale RM in tempi brevi?
Legalmente, nel caso fosse confermato un grave problema, si può ancora
ricorrere all’aborto?
Come conviene muoversi?
Cosa fare?
Grazie

Redazione

Redazione

risponde:

La legge italiana, sulla carta, consente l’aborto fino a circa 25
settimane, ma poiché si sono verificati casi di feti sopravvissuti (e
sempre la legge italiana impone di rianimarli), tutti i comitati etici
sono concordi nel non consentire l’aborto oltre le 22-23 settimane.
All’estero invece è possibile anche oltre. L’agenesia del corpo calloso,
se isolata non costituisce necessariamente una menomazione. Tante persone
scoprono per caso, da adulti, di non avere il corpo calloso, per esempio
nel corso di una TAC eseguita per un incidente. Se invece l’agenesia fa
parte di un quadro più complesso le cose si complicano. Purtroppo non
tutti i centri consentono una risonanza magnetica del feto, in quanto il
personale spesso non ha esperienza specifica. In genere presso i centri
universitari vi è questa possibilità, grazie ad una collaborazione fra le
unità di medicina fetale e i radiologi. Per lo più si tratta ancora di
procedure sperimentali. Le conviene rivolgersi ad uno di questi centri e,
in caso di diagnosi spiacevole, rivolgersi all’estero. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo