Aborto interno e concepimento difficile: c'è un legame? - GravidanzaOnLine

“Un aborto interno può portare a future difficoltà nel concepimento?”

Roberta

chiede:

Gentili dottori, sono mamma di un bimbo concepito al primo tentativo. Dopo 9 mesi dal parto abbiamo cercato un altro bimbo, concepito al secondo tentativo. Purtroppo la gravidanza si è interrotta con un aborto interno alla nona settimana. Ora, dopo un po’ di mesi dall’aborto, siamo al quarto tentativo di concepimento ma senza risultati. Ci può essere un legame tra l’aborto e questa nuova difficoltà a concepire? A cosa può essere dovuta? Grazie mille.

Buongiorno Roberta. L’aborto di per sé non rende più difficile il concepimento, e una precedente gravidanza con buon esito fa ben sperare. È considerato normale un mancato concepimento dopo alcuni mesi di tentativi: un’eventuale diagnosi di fertilità ridotta può essere presa in considerazione dopo un anno di rapporti regolari non protetti. Tenga presente che età, peso e stili di vita sono tra i fattori più importanti prima di pensare a disfunzioni sistemiche come le disfunzioni della tiroide o patologie come i polipi, i fibromi o l’endometriosi (ma non solo queste!): il suo ginecologo la guiderà nelle indagini per poter ottenere il concepimento e portare a termine una nuova gravidanza. Saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie