Camera gestazionale: cos'è e quando si vede - GravidanzaOnLine

Camera gestazionale: cosa significa se è “vuota” e quali sono le misure corrette

È uno dei primi segnali che indicano una gravidanza in corso e costituisce l'ambiente in cui si sviluppa l'embrione: le cose da sapere sulla camera gestazionale.

La camera gestazionale è il luogo in cui cresce e si sviluppa l’embrione dopo l’impianto all’interno della cavità uterina. Prende forma intorno all’embrione già pochi giorni dopo l’impianto ed è visibile intorno alla 4^ o 5^ settimana di gravidanza (contando a partire dal primo giorno dell’ultima mestruazione), e viene individuata nel corso della prima visita ginecologica della gravidanza.

La camera gestazionale viene controllata, insieme al monitoraggio dell’ormone beta hCG, per osservare lo sviluppo del feto.

Cos’è la camera gestazionale e quando si vede

Per camera gestazionale si intende l’ambiente che si sviluppa intorno all’embrione e quindi al feto, e che ospita anche il sacco vitellino, la struttura che scompare intorno alla dodicesima settimana per lasciare il posto alla placenta.

La camera gestazionale è una delle prime modifìche che intervengono quando inizia una gravidanza e si può osservare, come anticipato, con la prima ecografia ginecologica.

Quando l’embrione custodito all’interno della camera gestazionale supera i 5 millimetri di lunghezza è possibile sentire anche il battito cardiaco fetale, che conferma il corretto procedere della gestazione. In alcuni casi invece la camera gestazionale può risultare “vuota” al primo esame ecografico: cosa significa? Vediamo quali sono i motivi e cosa fare.

Camera gestazionale vuota: cosa significa?

Può capitare, durante la prima ecografia, che il medico non riesca a individuare l’embrione all’interno della camera gestazionale: in questo caso si dice che la camera gestazionale è vuota.

Ci sono diversi motivi per cui questo può accadere: innanzitutto, può darsi che il concepimento sia avvenuto in un momento successivo a quello presunto, e quindi l’embrione, più piccolo di quanto ci si aspetti, non viene rilevato dall’ecografia.

L’ovulazione infatti può essersi verificata dopo la data presunta (cioè intorno al 14esimo giorno del ciclo mestruale) e i calcoli possono risultare quindi sbagliati di alcuni giorni.

Se la camera gestazionale è vuota e non c’è un errore di calcolo può invece trattarsi di una spontanea e precoce interruzione di gravidanza. In molti casi l’aborto precoce che può verificarsi nel primo trimestre di gravidanza è dovuto proprio al mancato sviluppo dell’ovulo fecondato, che pur impiantandosi all’interno dell’utero non dà origine all’embrione lasciando così vuota la camera gestazionale.

Per avere conferma della presenza o meno dell’embrione il medico ripropone l’ecografia a qualche giorno di distanza, indicativamente intorno alla sesta o settima settimana di gravidanza: se anche il nuovo esame conferma l’assenza dell’embrione e le beta hCG non sono cresciute significa che la gravidanza si è interrotta.

Camera gestazionale piccola: le conseguenze

La crescita della camera gestazionale dovrebbe andare di pari passo con la crescita dell’embrione, ed è di circa un millimetro al giorno.

Se il medico rileva una crescita inferiore alle attese e la camera risulta cioè più piccola rispetto al normale, la mancata crescita può dipendere da problemi di irregolarità del ciclo mestruale o dalla conformazione dell’utero, che in alcuni (rari) casi potrebbe anche arrivare ad impedire lo sviluppo del feto.

Se la “camera” cresce poco il sacco vitellino al suo interno può non avere lo spazio sufficiente per svilupparsi, e ciò può comportare problemi allo sviluppo del feto.

Le cause di una camera gestazionale piccola possono essere il ciclo mestruale irregolare e l’orientamento dell’utero: difficoltà di crescita sono state infatti riscontrate nelle donne che hanno utero anteflesso o retroflesso.

Camera gestazionale irregolare: le conseguenze

La forma della camera gestazionale è normalmente circolare, allungata e tondeggiante. Se si presenta invece con forma irregolare (spesso allungata e non tondeggiante) può impedire il corretto sviluppo embrionale.

Il ginecologo tramite l’ecografia può rilevare anche questo genere di anomalia: in questi casi solitamente si prescrive l’assunzione di progesterone oltre al riposo per monitorare l’evoluzione della situazione.

Ti è stato utile?
Rating: 4.5/5. Su un totale di 12 voti.
Attendere prego...

Categorie