Parto Cesareo Programmato

Il parto cesareo (o taglio cesareo) consiste in un intervento mediante il quale il ginecologo estrae il feto attraverso un'incisione longitudinale o trasversale effettuata nell'addome della gestante.

Parto Cesareo Programmato

Parto podalico, cosa succede quando il bimbo non è nella posizione giusta

Parto podalico, cosa succede quando il bimbo non è nella posizione giusta

In una piccola percentuale di casi al momento di venire alla luce il bambino si presenta con la testa in alto e le natiche puntate verso il basso: il parto podalico è possibile tuttavia molto raramente, e solitamente se il bambino è podalico si esegue un parto cesareo.

Quando il liquido amniotico è troppo: cos'è il

Quando il liquido amniotico è troppo: cos'è il "polidramnios"

Ogni 2 gravidanze su 100 può verificarsi una eccessiva produzione di liquido all'interno del sacco amniotico: ecco perché e quali sono le cause e le conseguenze del "polidramnios".

Parto cesareo a richiesta, si può?

Salve, sono una ragazza di 25 anni e sono in attesa del mio secondo figlio. Il mio problema, che mi toglie ormai il sonno da settimane, sembra una sciocchezza visto che ho già partorito in passato, ma è proprio il travaglio!! Io mi chiedevo se per me era possibile richiedere un parto cesareo programmato anche in una clinica privata a pagamento, se non è possibile in ospedale. Io abito in Venezia Giulia, più precisamente a Trieste! Mi scuso se sembro un po’ infantile, ma la mia prima esperienza è stata molto scioccante e non credo di poter reggere una gravidanza con questo incubo, non farebbe bene né a me né al bimbo. Grazie se mi risponderete e per i preziosi chiarimenti che mi darete!!! Saluti

Infezione da taglio cesareo

Salve, ho 19 anni. Il 2 settembre ho partorito la mia piccola ma con un cesareo programmato, anche se per me si poteva evitare. Dopo due giorni mi è salita la febbre a 38° e così continuava per tutte le notti. Il mio ginecologo alla clinica mi ha aperto un punto ed è uscito molto liquido giallo. Così mi hanno trasferito in ospedale dove hanno capito che era un’infezione e mi hanno riaperto la ferita. Sono rimasta in ospedale per quasi un mese facendo medicazioni tutti i giorni e mi hanno messo un drenaggio. Il dottore dell'ospedale mi ha dato 3 punti per rimarginare la ferita e così mi hanno dimessa, ma facendo tutti i giorni a casa medicazioni con amukine med e Prontosan. La ferita mi si è rimarginata dopo 2 mesi ma ieri ad un tratto è cominciato ad uscire di nuovo quel liquido giallo male odorante e mi fa anche male, prima non portava nessun fastidio. Ho un po’ di paura, potrebbe essere tornata l'infezione? Cosa faccio, vado in ospedale? O continuo a fare medicazioni a casa come facevo prima? Cordiali Saluti

Posso richiedere un parto cesareo per motivi di salute?

Buonasera, sono a 32 settimane di gravidanza e sono affetta da ipertensione cronica. Durante una visita oculistica inoltre, mi è stata diagnosticata una lieve distrofia maculare... Ho avuto un anno fa un aborto spontaneo. Posso richiedere al mio ginecologo un parto cesareo programmato per le suddette problematiche? È doloroso? È vero che ci sono le contrazioni post partum? Grazie. Saluti.

Fibrillazione atriale e gravidanza: parto naturale o cesareo?

Buongiorno, sono una mamma quarantenne, alla ventunesima settimana della sua terza gravidanza... Tutto sta procedendo magnificamente. Sono nel GAR, poiché l'anno scorso ho avuto due episodi di fibrillazione atriale e comunque soffro di extrasistoli sovraventricolari. Nell'holter che ho fatto lo scorso 21 marzo, ne ho avuti addirittura più di 880... Ed ero nel periodo del concepimento.. ora inizio ad avere un po' di paura per il parto... sì, insomma quark per un arresto cardiaco... Cardiologia non mi ha ancora chiamata... Secondo voi, posso tentare serenamente un parto naturale o, per evitare qualsiasi complicazione, sono destinata ad un cesareo programmato??? Premetto di nuovo, mi sento bene, sento che il cuore non fa troppi capricci... benché io lavori in hotel, come cuoca tutti i giorni!!!!! Grazie per la vostra cortese attenzione. Distinti saluti

Ho fatto 3 cesarei e vorrei 1 parto naturale, si può?

Gent.le dott.ssa, vorrei informare una cosa che lo scorso 30 Novembre di 2 anni fa ho dato alla luce la mia 3 bimba con parto cesareo programmato perché con i primi 2 figli tutti nati con parti cesarei per mancanza dilatazione dell'utero e con la terza ho fatto con cesareo programmato ed ora, a distanza di 2 anni, ne vorrei un altro figlio, ma mi hanno detto che con 3 cesarei è impossibile fare figli, è vero?? Desidero tanto avere una famiglia numerosa... Aspetto consigli. Grazie.

Parto Cesareo programmato in quale settimana?

Buona Sera, vorrei un’informazione: a quante settimane si consiglia il parto cesareo programmato? Io avevo sentito che si faceva alla 38esima settimana, ma non ne sono sicura. Grazie e scusate per il disturbo :)

VBAC

Buongiorno, sono alla mia quarta gravidanza, ho 35 anni ed ho tre bambini di 9,7 e 4 anni. Adesso sono alla 12 settimana. Il primo bambino l'ho avuto con parto cesareo perchè oltre termine e l'induzione è andata male. Gli altri due sono nati con cesareo programmato per pregresso. Adesso vorrei tanto provare a partorire naturalmente, ma il ginecologo, mi ha fatto una lavata di capo colossale elencandomi tutti i rischi a cui andrò incontro già col cesareo? Lei cosa ne pensa?

Parto naturale VS taglio cesareo!

Parto naturale VS taglio cesareo!

Parto naturale o cesareo, cosa sapere di entrambe le modalità per effettuare una scelta consapevole.

Medico Risponde - Ginecologo

Ernia inguinale e parto

Ho 41 anni e sono alla 30a sett. della mia prima gravidanza, mi è stata diagnosticata un'ernia inguinale dx ben evidente alla stazione eretta. Secondo il parere del chirurgo, al momento, e se l'ernia dovesse rimanere di questa entità, potrebbe non essere necessario un cesareo, sarebbe opportuno però che durante le fasi di spinta del parto, qualcuno comprima la parte evitando che peggiori. La cosa mi lascia molto perplessa! Primo, perché non si tratta di una spintarella da poco, secondo perche durante le concitate fasi del parto, figuriamoci se si pensa a contenere l'ernia! Ero propensa ad un parto naturale, ma questa situazione non mi rende per niente tranquilla, era una gravidanza tanto attesa e non voglio correre rischi. Cosa mi consiglia? Il chirurgo ha detto di volermi rivedere qualche giorno prima della data del parto, ma dovesse essere necessario un cesareo, non dovrebbe essere programmato qualche settimana prima? La ringrazio anticipatamente

risponde

Medico Risponde - Ginecologo

Parto naturale dopo un cesareo?

Buongiorno dottore, sono alla 32 settimana di gravidanza e tutto procede bene. Ho avuto un bimbo 6 anni fa con parto cesareo d'urgenza dopo un lungo travaglio con ossitocina e tante spinte; il piccolo non usciva perché non era posizionato. L'anno scorso la terribile esperienza di un'interruzione di gravidanza per una trisomia incompatibile con la vita; ero alla 13^ settimana e ho dovuto affrontare un parto indotto… è stato terribile.Oggi sono molto felice questa gravidanza procede bene e posso scegliere se tentare un parto naturale. Mi hanno detto che l'importante in questo caso è la forza di volontà… se sono convinta posso tranquillamente provare senza rischi. Il mio problema è che non sono molto convinta, in quanto ricordo la prima esperienza di travaglio concluso con tc d'urgenza al quale non ero preparata e la seconda angosciante esperienza di interruzione. Ho paura che la scelta del parto naturale rappresenti un rischio, in particolar modo ho paura che il piccolo non nasca entro i 10 gg. e che allora si debba procedere con un taglio cesareo non programmato, e poi ho paura di quella bassissima percentuale di rischio di rottura dell'utero... esiste veramente questo rischio? Visto che sono un po' spaventata, lei cosa consiglia? Grazie, buona giornata.

risponde