featured image

Scarpine da neonato, come sceglierle

La maggior parte dei bambini impara a camminare intorno al primo compleanno, mese più mese meno: non per questo le scarpine neonato che si indossano prima di quel momento sono meno importanti per il benessere e la salute del piccolo.

È fondamentale che tutte le mamme, anche quelle alle prime armi, sappiano che bisogna prestare attenzione ai materiali così come alla corretta lunghezza, larghezza e profondità delle scarpine per neonato: se misure e modelli non sono adatti, infatti, potrebbero nascere fastidiosi problemi come cattiva traspirazione, dolori alle punte, unghie incarnite, dita a martello, calli e duroni.

Ecco, allora, una piccola guida per scegliere agevolmente pantofole, scarpe e scarpine per neonato.

La taglia delle scarpine per neonati viene generalmente indicata in due modi. Si può fare riferimento alla lunghezza del piede in centimetri o a dei numeri precisi che indicano la taglia proprio come per le scarpe da adulto.

Per conoscere la taglia di pantofole e scarpe del vostro bebè, dovete fare riferimento alla distanza tra il tallone e il dito più lungo: per misurarla al meglio tracciate su un foglio di carta un segno in corrispondenza del tallone e uno del dito, appoggiando bene sulla superficie la pianta del piede del piccolo. Dal foglio stesso, poi, misurate questa distanza.

Per i bambini fino a un anno, sono queste le taglie e i centimetri corrispondenti da tenere a mente: la taglia 16 corrisponde a 9,7 centimetri di lunghezza; la 17 a 10,4 cm; la 18 a 11 cm; la 19 a 11,5 cm; la 20 a 12,3 cm.

Le scarpe si sostituiscono all’incirca ogni 3 mesi, dato che nei primi anni il piede cresce di 3-4 millimetri al mese. Ricordatevi, dunque, di misurarli ogni mese e mezzo, o al massimo ogni due mesi.

Un suggerimento: misurate tutti e due in piedi. Spesso, infatti, capita che i piedi non siano esattamente della stessa lunghezza, e in questo caso dovrete tenere conto della misura più ampia, affinché tutti e due i piedi stiano comodi nelle loro scarpine.

Sulle scarpe per neonati, come su tutti i prodotti che riguardano i piccoli, è importante mirare alla qualità, perché i materiali devono essere morbidi e traspiranti. La maggior parte dei neonati non ha bisogno di uno speciale supporto dell’arco plantare, che sviluppano completamente solo tra i 6 e gli 8 anni, mentre tutti i bambini di età  inferiore ai 16 mesi hanno i piedi piatti per natura. Meglio piuttosto una suola morbida ma imbottita, per garantire al tempo stesso flessibilità nei movimenti del piede e ammortizzazione. Da evitare anche i tacchi, le suole troppo lisce ma anche quelle che creano troppo attrito: il piede del bambino, infatti, non deve scivolare sulle superfici lisce, ma nemmeno trovare troppa resistenza nei primi passi e nel passaggio tra il gattonare e lo stare in piedi.

Importante per le scarpe neonato anche la leggerezza, perché i bimbi – come si scopre ben presto – non si fermano un attimo.

Per tenere i piedi al caldo in casa e dentro la carrozzina, infine, si adattano perfettamente anche le morbide pantofole per neonati e le scarpine uncinetto proposte dalla tradizione, che le nonne adorano cucire per i nipotini e che non possono mancare nei loro corredi fin dalla nascita. Benessere e qualità prima di tutto, ma in fatto di scarpine per neonati e scarpe primi passi anche l’occhio vuole la sua parte.

condivisioni & piace a mamme