featured image

Le 10 regole d’oro per una nanna tranquilla

Ecco il decalogo del ‘buon sonno’ dettato dai pediatri della Fimp, Federazione italiana medici pediatri:

1) Il “buon sonno” si costruisce nei primi mesi di vita. Il genitore, nelle primissime ore della vita del proprio figlio, deve comprendere ed adattarsi ai suoi ritmi, capire come e quando questi vanno modificati o rispettati. Il pediatra deve aiutare il genitore a conoscere l’organizzazione del sonno del bambino.
2) Il ritmo sonno-veglia si acquista con il passare dei mesi, i genitori devono saper attendere e rispondere ai bisogni del proprio bambino con serenità e fiducia;
3) Costruite con il bambino un percorso rituale che preceda l’addormentamento: una canzoncina, una fiaba, ma anche la scelta del pigiama o di un oggetto da portare a letto;
4) È importante far addormentare il bambino nella sua stanza e nel suo letto. Evitare di farlo addormentare in braccio o in altri luoghi, associare il suo letto con il sonno. Altrimenti, quando si sveglierà il bambino si troverà in un posto che non riconosce e vorrà ritornare fra le braccia del genitore per riaddormentarsi. Evitare di giocare la notte con il bambino. Evitare di dar da bere (latte, bevande, tisane) prima e durante il sonno;
5) I risvegli notturni sono la rappresentazione di un ‘disagio’, manifestano un disagio (es. cambiare posizione del proprio corpo) sono quindi dei meccanismi inconsci di difesa;
6) Quando il bambino piange rassicuratelo con una carezza, controllate eventuali ‘necessità’ (fame, sete, cambio di pannolino). Evitate di accendere le luci e parlate col tono della voce basso. Cercate di resistere, non correte nella sua stanza appena piange;
7) L’ambiente dove dorme il bambino deve essere tranquillo, il più silenzioso possibile e poco illuminato con una temperatura confortevole (intorno a 20° C);
8) Il bambino deve dormire a pancia in su;
9) Non fumare in casa, il fumo passivo è dannoso ed è importante evitare di coprirlo troppo. Questi accorgimenti sono importanti per prevenire la Sids (Sindrome della Morte in Culla);
10) Non usare farmaci o rimedi naturali per indurre il sonno, spesso non risolvono il problema e possono dare un effetto paradosso: eccitare invece di calmare. Vanno usati solo sotto controllo medico, a volte sono indispensabili, per correggere cattive abitudini.

condivisioni & piace a mamme