Contratto a progetto anomalo per docente

Salve, sono una docente di italiano per stranieri e, da 4 anni, lavoro
regolarmente per un'organizzazione statunitense di invio/ricezione di
studenti universitari USA. in un anno firmo due contratti di 4,5 mesi
l'uno, perché i corsi rientrano in un "semestre" lungo e uno corto e in
agosto si interrompono. l'azienda non può garantire in anticipo
l'attivazione del corso e quindi ogni sei mesi circa, firmo di nuovo. per
ora ho sempre lavorato continuamente, tranne un corso nel semestre corto,
(luglio 2007) per mancanza di iscrizioni (perché se gli studenti non ci
sono, il corso non si fa). in genere dunque i corsi ci sono e hanno
un inizio e una fine stabilita e non durano mai più di 3-4 mesi. Quindi la
mia domanda è: nel caso di una gravidanza e/o una gravidanza a rischio,
l'improvviso "congelamento" previsto dal contratto a progetto sarebbe
impossibile, perché quel corso dovrà comunque continuare e finire come
stabilito e non è che gli studenti possano aspettare o ritornare... e
allora a che tipo di tutela ho diritto? Grazie mille, saluti

Cara Erika,
per darle una risposta esauriente avrei bisogno di qualche informazione in
più.
Analizzando la descrizione che Lei fa del suo lavoro, ho infatti avuto
l'impressione che nel Suo caso l'inquadramento contrattuale non sia in linea
con l'attività lavorativa e le mansioni assegnate.
Nel dettaglio Le chiedo:
Ha autonomia decisionale per quanto riguarda i percorsi formativi?
Ha autonomia decisionale per quanto riguarda gli strumenti didattici?
Ha autonomia professionale per quanto riguarda la scelta degli orari di
lavoro?
Nello svolgimento del Suo lavoro, l'attività è assoggettato a controlli
diretti, o per interposta persona, del committente?
La sua retribuzione è indipendente dal numero di ore lavorate?
In attesa di ulteriori informazioni, Le suggerisco di leggere la circolare
del Ministero del lavoro numero 4 del 2008.
Cordialmente