Singhiozzo dei neonati: i consigli della pediatra - GravidanzaOnLine

Il singhiozzo nei neonati, da cosa dipende? Lo spiega la pediatra

Il singhiozzo è una degli inconvenienti più tipici per i neonati. La pediatra ci spiega da cosa dipende e come farlo passare.

Next video

La varicella: cos'è e come affrontarla, spiegato dalla pediatra

Clear

Una delle cose più tipiche dei bambini molto piccoli, che vengono allattati artificialmente o al seno, è il singhiozzo.

La pediatra Pilar Nannini in questo video rassicura le mamme: non c’è nulla di cui preoccuparsi. Il singhiozzo è infatti un riflesso vagale che i neonati hanno già nella pancia della mamma!

Generalmente il singhiozzo tende a risolversi spontaneamente, e dipende dal fatto che il bambino mangi in maniera piuttosto vorace. Se però dovesse durare e non passare da solo, il consiglio è quello di provare a riattaccarlo al seno o al biberon, per rompere il “circolo vizioso” che si è creato. Dopo i sei mesi il singhiozzo tende a essere più raro, nonostante possa manifestarsi anche durante lo svezzamento e fino all’anno di età, per poi diventare davvero sporadico.

Insomma, se il vostro bambino singhiozza non ha un problema e non dovete allarmarvi. Significa semplicemente che è molto goloso!

In collaborazione con
  • L'ha detto l'esperto

Categorie