Nausea in gravidanza e depressione: il legame dimostrato da uno studio

Una grave nausea mattutina durante la gravidanza potrebbe essere legata a sintomi depressivi prenatali. Questi i risultati messi alla luce da uno studio scientifico. Vi è un nesso, dunque, tra iperemesi gravidica e depressione? Ecco i risultati allarmanti

Nausea mattutina e depressione in gravidanza, vi è un nesso? Una grave nausea in gravidanza può essere legata a sintomi depressivi prenatali?

Sembrerebbe proprio di sì. A dimostrarlo uno studio svolto dai ricercatori dell’Imperial College di Londra e dell’Imperial College Healthcare NHS Trust, i quali hanno rilevato che quasi la metà delle donne con grave nausee mattutine soffriva di depressione prenatale e quasi il 30% aveva una depressione postnatale.

Lo studio non si riferisce alla classica nausea mattutina, condizione normale per le donne in stato interessante nel primo trimestre di gravidanza, ma a sintomi molto più forti, tali da condizionare l’intero decorso gravidico.

I dati e le cifre della ricerca mostrano un quadro pressoché allarmante che riflette, in modo particolare, la mancata attenzione verso le gestanti da parte della società e degli organi preposti. Analizziamo lo studio, le cause e i risultati ottenuti dai ricercatori.

La nausea mattutina in gravidanza è legata a sintomi depressivi

L‘iperemesi gravidica (HG), nota come nausea mattutina grave, è una condizione debilitante che colpisce circa l’1-2% delle donne in stato interessante nel Regno Unito.

Molto più grave della consueta nausea mattutina, l’iperemesi gravidica è uno dei motivi più comuni di ricovero in ospedale durante i nove mesi di gestazione che può protrarsi sino al giorno del parto.

Le donne che soffrono di gravi nausee mattutine possono essere costrette a letto per settimane, soffrire di disidratazione e perdita di peso. Spesso, la loro condizione è talmente debilitante da spingerle a lasciare il posto di lavoro o a non avere le forze necessarie nel prendersi cura di altri figli.

Il dottor Nicola Mitchell-Jones, registrar specializzato in ostetricia e ginecologia e autore principale dello studio, spiega come l’impatto psicologico di questa condizione depressiva non sia preso abbastanza sul serio sia dagli operatori sanitari, sia dal pubblico in generale. In riferimento alla ricerca svolta aggiunge

Il nostro studio mostra che le donne con HG (grave nausea mattutina), hanno circa otto volte più probabilità di soffrire di depressione prenatale e quattro volte più probabilità di avere depressione postnatale. Alcune donne nello studio avevano persino pensieri di autolesionismo mentre soffrivano di grave nausea mattutina (HG)

Dobbiamo fare molto di più che trattare semplicemente i sintomi fisici di HG; La valutazione per la salute mentale e il supporto dovrebbero essere una routine per qualsiasi donna con questa condizione.

Nausea mattutina e depressione, qual è il nesso? Lo studio

Lo studio ha esaminato un campione di 214 donne nel primo trimestre di gravidanza in tre ospedali londinesi – Chelsea and Westminster Hospital NHS Foundation Trust, Queen Charlotte’s and Chelsea Hospital e St Mary’s Hospital.

La metà di esse è stata reclutata al momento del ricovero in ospedale con sintomi di nausea mattutina grave mentre, l’altra metà del gruppo non presentava alcun sintomo di nausee mattutine o vomito, ed è stata reclutata attraverso una clinica prenatale guidata da ostetriche.

In entrambi i gruppi si sottolinea come nessuno dei partecipanti fosse stato curato per condizioni di salute mentale nell’ultimo anno. Le donne sono state valutate per il loro benessere psicologico nel primo trimestre di gravidanza e durante le sei settimane post parto.

I risultati, pubblicati su BMJ Open, mostrano come nelle donne senza nessuna nausea, solo il 6% ha sofferto di depressione prenatale, mentre il 7% ha sofferto di depressione post parto. In particolare:

  • 49% delle donne con HG ha sperimentato depressione durante la gravidanza tale da essere stata costretta a prendere 4 o più settimane di assenza dal lavoro durante la gestazione e dopo il parto.

L’effetto negativo della depressione sul legame mamma-neonato

Sebbene lo studio effettuato non abbia individuato alcun collegamento diretto tra depressione e sviluppo del legame materno-neonato, durante il corso della ricerca 8 donne, che soffrivano di HG e che appartenevano al campione in esame, hanno deciso di interrompere la gravidanza nonostante esprimessero originariamente il desiderio di tenere il bambino.

La dott.ssa Mitchell-Jones, autore dello studio, nel 2018 ha sofferto lei stessa di nausea in gravidanza e ha affermato:

Anche se non possiamo dire che la nausea mattutina grave fosse la ragione principale di quelle decisioni, potrebbe certamente aver svolto un ruolo che mi spezza il cuore.

E aggiunge, riferendosi alle condizioni che spesso le donne in stato interessante si trovano a dover affrontare

Sono stata dentro e fuori dall’ospedale, ho passato quasi sei mesi a letto, ma ho avuto la fortuna di avere un datore di lavoro e una famiglia che mi sostenessero. Molte donne non possono permettersi quella quantità di tempo libero dal lavoro o sono mamme casalinghe con bambini piccoli di cui occuparsi.

Troppo spesso i loro partner, parenti o colleghi di lavoro, non forniscono il supporto di cui hanno bisogno perché non riescono a capire la gravità di ciò che stanno attraversando queste donne. Dobbiamo istruire loro, così come gli operatori sanitari.

La dott.ssa Mitchell conclude spiegando l’importanza vitale che una tempestiva analisi psicologica riveste sulla donna con tali disagi. Il passo da compiere è modificare le linee guida cliniche su come, le donne affette da questa patologia, debbano essere trattate.

Categorie

  • Gravidanza