Quando madri e figli giocano insieme le reazioni (fisiche ed emotive) si sincronizzano

Un recente studio ha scoperto che quando mamma e figlio giocano insieme le reazioni comportamentali e fisiologiche di entrambi si coordinano. I risultati della ricerca.

Le interazioni positive delle madri così come quelle dei padri promuovono il sano sviluppo socioemotivo del bambino, inoltre quando genitori e figli giocano insieme le reazioni fisiologiche e comportamentali si coordinano.

Questi sono i risultati di un nuovo studio dell’Università dell’Illinois che ha esaminato tali reazioni durante il tempo di gioco tra mamma e bimbo. Scopriamo i risultati evidenziati dal team di ricercatori.

Quando madri e figli giocano insieme le reazioni fisiologiche e comportamentali si coordinano, lo studio

Lo studio, pubblicato su Developmental Psycobiology, ha analizzato durante una sessione di gioco interattivo svolto nel laboratorio comportamentale dell’Università dell’Illinois, 110 mamme insieme ai loro figli, di età compresa tra 3 e 5 anni.

Tutte le mamme con i loro bambini hanno lavorato insieme per 5 minuti alla risoluzione di un puzzle 3D. Successivamente, per latri 5 minuti di gioco tutte le coppie partecipanti sono passate ai giocattoli da “pet doctor” e agli animali di peluche.

Durante le 3 sessioni di gioco, il team di ricercatori ha fatto indossare sia alle madri che ai rispettivi bambini degli elettrodi wireless in modo da poter misurare la loro risposta parasimpatica attraverso i cambiamenti della frequenza cardiaca, noti come aritmia sinusale respiratoria (RSA).

Oltre ad essere state registrate le sessioni di gioco, durante il tempo trascorso a giocare, alcuni osservatori addestrati hanno codificato la coordinazione comportamentale madre-figlio, come sorrisi, risate e abbracci condivisi e risposte ai reciproci segnali sociali.

Il potere dell'abbraccio: cosa percepisce il bambino dall'abbraccio del genitore

I risultati dello studio: tra madre e figlio vi è un crescente coinvolgimento

Gli studiosi hanno osservato che tra madri e bambini vi è una naturale e innata comunicazione reattiva. I risultati ottenuti possono aiutare a fornire prove importanti non solo ai genitori, ma anche a professionisti del settore e ricercatori.

I cambiamenti positivi nell’RSA evidenziati dalla ricerca mostrano che madri e bambini sono socialmente impegnati e si muovono l’uno verso l’altro; mentre quando la madre ha diminuzioni dell’RSA si osservano di conseguenza nel bimbo crescenti fattori di stress o un problema.

Dunque, è molto possibile che all’aumento dell’RSA della madre aumenti anche il coinvolgimento con il bambino, che viene a sua volta ricambiato con la mamma.

Dai risultati, i genitori possono imparare di più sull’importanza di sintonizzarsi sui segnali dei loro figli e di essere reattivi ai loro comportamenti durante la comunicazione con loro.

La Dott.ssa Yannan Hu, studentessa di dottorato presso il Dipartimento di sviluppo umano e studi sulla famiglia presso l’Università dell’Illinois, nonché autrice senior dello studio, ha affermato:

Il nostro studio misura il coordinamento fisiologico e comportamentale in tempo reale tra madri e bambini mentre interagiscono tra loro. I ricercatori considerano la sincronia fisiologica benefica per lo sviluppo socioemotivo del bambino. Ma il nostro studio è uno dei primi a collegarla alla sincronia comportamentale.

In pratica, quando madri e bambini sono coordinati a livello comportamentale – lavorano insieme, si alternano e condividono affetti positivi – l’attività fisiologica del bambino segue i cambiamenti fisiologici della mamma.

Nell’analisi sviluppata abbiamo misurato in tempo reale se la mamma e il bambino sono in grado di coordinarsi. Questo ci parla delle loro interazioni al di là del comportamento genitoriale della madre stessa.

Non importa solo come i genitori trattano i loro figli. I bambini devono anche essere reattivi ai segnali dei loro genitori affinché il genitore e il bambino stabiliscano un’interazione coordinata.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Bambino (1-6 anni)