"Rivendicare il corpo in attesa”: le foto di maternità di Donatella Nicolini

"Rivendicare il corpo in attesa”: le foto di maternità di Donatella Nicolini
Fonte: ph. Donatella Nicolini
Foto 1 di 15
Ingrandisci

Come si racconta la maternità? La giovane fotografa Donatella Nicolini lo ha fatto ispirandosi alla locandina del famoso film del 1985 Showgirls, immortalando una sinuosa silhouette che squarciando il buio emerge sul fondo scuro.

Non è un caso se con questo scatto, elegante e raffinato, la trentenne italiana, ritenuta tra le promesse della scena fotografica mondiale, si è aggiudicata il Premio come miglior Maternity Photographer, assegnato annualmente dalla The Societies of Photographers.

Le motivazioni con cui la fotografia di Donatella è stata scelta dalla prestigiosa associazione mondiale di fotografia parlano di “Una straordinaria alternativa a ciò che di solito vediamo in questa categoria. I forti elementi grafici e l’illuminazione che raffigurano la forza della madre riuniscono questa immagine in un modo fantastico“.

Quando l'allattamento diventa arte ed empowerment. Le foto di Brianna McDaniel

Nicolini ha scelto di specializzarsi nei ritratti di donne in gravidanza, proprio per decostruire il racconto classico della maternità e restituirlo agli occhi degli spettatori come un magnifico momento di empowerment femminile. È, insomma, un modo per raccontare la forza delle donne a tutti gli effetti, e la loro innata capacità di trovare la forza per superare gli ostacoli e le sfide. Ma l’obiettivo è anche quello di rivestire di luce propria la maternità, in un momento storico difficile dove spesso, per le donne, l’essere madri diventa un ostacolo, soprattutto dal punto di vista professionale.

Rispetto allo scatto vincitore, che immortala la modella brasiliana Izabel Veiga al settimo mese di gravidanza, Donatella ha dichiarato:

L’ispirazione per questa foto è nata per caso, ero rimasta colpita dalla locandina cinematografica di Showgirls, noto film del 1995 di Paul Verhoeven, da lì l’idea di riprendere quello stile per una mia sessione fotografica. Volevo qualcosa che bucasse lo schermo, che interrompesse i soliti schemi, quindi non la solita foto delicata ma un soggetto che venisse fuori di prepotenza. Mi dà un’idea di forza, determinazione, di non fermarsi di fronte a nulla come spesso solo una madre sa fare.

Sfogliate la gallery per scoprire altre opere dell’artista, che potete vedere anche sul suo sito Internet ufficiale.

 

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Maternità