Anonimo

chiede:

Buonasera, sono una musicista e per lavoro sono costretta a spostarmi spesso anche all’estero. Fino ad ora ho sempre portato con me mia figlia di 15 mesi che allatto ancora. Nel mese di novembre però dovrò fare un tour di 8 giorni in Spagna con degli spostamenti grandissimi e ritmi terribilmente faticosi persino per un adulto e dovrò lasciarla a casa con il padre. Sono molto combattuta perché temo che per la mia piccola possa essere un trauma… lei è abituata a stare senza di me con i nonni o con il papà anche fino a tarda sera ma di notte non ci siamo mai lasciate. L’ultima cosa che farei è minare la sua serenità Vorrei il parere di un esperto. Grazie infinite

Cara mamma, con i limiti intrinseci di una consulenza online le fornisco qualche spunto di riflessione. Dice “di notte non ci siamo mai lasciate” con cui sembra manifestare una difficoltà alla separazione (forse anche da parte sua e non solo della bambina). Sua figlia non sarà sola: “dovrò lasciarla a casa con il padre”; potrebbe essere utile trasmettere fiducia nei confronti dell’altra figura di riferimento, ovvero il papà che si prenderà cura di lei (“è abituata a stare senza di me con i nonni o con il papà”), rassicurandola del suo ritorno. Saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo