Anonimo

chiede:

Salve. Sono Elisa, ho 33 anni e sono alla mia seconda gravidanza. Nella prima, 4 anni fa, non ho avuto nessun problema, ho danzato (sono una danzatrice) e fatto altri lavori anche fisicamente pesanti fino al giorno del parto stesso… mia figlia è nata con parto naturale in 20 minuti e sta benissimo. In questa gravidanza ho avuto alla 13ma settimana un’abbondantissima perdita ematica, tant’è che al primo impatto il ginecologo pensava avessi perso il bimbo. Ma fortunatamente invece il bimbo stava bene ed è stato rilevato uno scollamento amniocoriale, di cui non ho però le misure. Una settimana in ospedale più altre due a casa con riposo assoluto e cura di progesterone per 15gg. Premetto che io non ho mai avuto dolori, neanche al momento dell’emorragia. Fino alla
17ma settimana ho avuto perdite, a volte più liquide a volte a grumi, ma sempre marroni, mai rosso vivo, il che mi hanno assicurato è normale. Alla 17ma ho avuto il controllo: il distacco non si è riassorbito, e anche questa volta non ho le misure ma è lungo. L’utero è completamente chiuso e regolare, il bimbo cresce regolarmente per l’epoca, ma il ginecologo ha trovato strano che il distacco non si fosse riassorbito. Ora sono alla 19+2, non ho perdite ne contrazioni, cerco di stare il più possibile ferma, ma ammetto che 2/3 volte alla settimana guido per recarmi a lavoro (dove sto seduta), e mi alzo e cammino, mi hanno detto di stare a riposo ma non a letto assoluto… per una che è abituata a lavorare 10-12 ore al giorno 6 gg su 7 questo è più che riposo! Inoltre, non avendo dolori per me non è un problema alzarmi per preparare il pranzo o accompagnare in bagno l’altra mia figlia… (mio marito lavora, e capita che sono da sola). Ora devo fare la morfologica tra 7 gg, anche se l’ansia nel frattempo mi divora. Spero che mi dicano che il problema sia risolto, ma se così non fosse? Quali sono le conseguenze? Cosa può accadere ad una gravidanza se uno scollamento amniocoriale non si risolve? Vorrei capirlo, nessuno mi dice nulla di preciso, non ho la percezione giusta della gravità della situazione… grazie in anticipo.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Elisa, di solito, un distacco, un ematoma, uno scollamento, o si risolvono in un certo tempo, oppure permanendo le noxe che lo hanno determinato, la gravidanza non va a buon fine.
Un distacco può richiedere del tempo per riassorbirsi… Ad ogni modo l’ecografia può stabilire il grado di organizzazione e la fase di guarigione anatomica. Ovviamente parlo di ecografie di livello adeguato.
Quindi le consiglio, se non già eseguita, di eseguire una ecografia di secondo livello per meglio definire il quadro.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo