Perdite marroni in gravidanza: cause e rischi - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile Dottore, ieri è successo qualcosa che mi ha parecchio agitata. Io sono a 7+2 e finora tutto ok! Ero in bagno e quando mi sono asciugata, la carta si è macchiata, ho avuto delle perdite marroni. Nel water si era depositata come della polvere marrone. Le perdite avevano uno strano odore, come di ferro… C’è da dire che il giorno precedente ho fatto un’iniezione di seleparina, consigliatami dal mio ginecologo, in seguito al valore della proteina S leggermente inferiore alla media (51). In preda al panico ho chiamato subito al ginecologo, che mi è sembrato anche piuttosto preoccupato… Sono corsa in ospedale e ho fatto il controllo ecografico. L’embrione era lì e il suo cuore si sentiva forte e chiaro. È anche cresciuto di un bel po’ rispetto all’ultima ecografia di 9 giorni fa! Misura 1 cm. Il medico che mi ha fatto l’eco (purtroppo il mio ginecologo era fuori città) dice che è tutto ok e che queste perdite possono essere un residuo di sangue vecchio, dovuto all’attecchimento, ma intanto il ginecologo mi ha consigliato di sospendere la seleparina. Di sera avevo leggerissimi, quasi impercettibili dolori alle ovaie. Oggi sembra essere tutto rientrato. Cosa potrebbe essere successo? Ci potrebbe essere un nesso con l’iniezione? Grazie infinite per l’attenzione.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Daniela, le cause di perdite ematiche in gravidanza iniziale possono essere molteplici e non sempre patologiche anche se, nel caso in cui fossero ben evidenti, è sempre prudente considerare la possibilità di una minaccia di aborto.
Piccole perdite ematiche possono essere normalmente dovute alla atrofia della decidua che non è stata coinvolta dall’annidamento. La normalità ecografica è confortante, anche se si possono avere perdite ematiche da minaccia, anche senza avere scollamenti visibili interni. Ritengo poco probabile che l’eparina alle dosi usate possa essere stata la causa del sanguinamento. In conclusione… Non vedo al momento motivi seri per preoccuparsi, considererei però l’accaduto come conseguenza di una minaccia di aborto, e farei di conseguenza la terapia del caso per cautela.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo