Perché questo beta-hcg? Perché il sangue? | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile Dottore, ho 36 anni e sono alla mia seconda gravidanza (ho una figlia di 18 mesi). Tre anni fa ho avuto un aborto interno ritenuto e l’esame genetico del materiale ricavato dall’utero, dopo il raschiamento, definì l’embrione un “triploide”. Facendo le mappe genetiche io e mio marito, siamo risultati normali. Oggi mi trovo in una situazione di grande apprensione perché questa mia seconda gravidanza è cominciata con un test di gravidanza positivo seguito subito da una mestruazione abbondante, più duratura del solito e con strascichi di perdite ematiche che perdurano tuttora. Spaventata ho telefonato all’ospedale e sono stata invitata a recarmici per un controllo. Ho ripetuto l’esame delle urine sul posto (positivo) e, lì per lì, mi hanno prospettato una gravidanza extra-uterina, con riserva di controllo sul raffronto del BHCG a intervalli di 48 ore. Primo beta: 723 – secondo beta: 2540 – terzo beta: 2490. In corrispondenza del terzo beta ha incominciato ad evidenziarsi, con eco transvaginale una camera gestazionale di 4.4 mm (mi dicono che potrebbe ancora essere un coagulo…). Quarto beta: 5500. La camera gestazionale passa a 9.2 mm,
la gravidanza extr-uterina viene esclusa. Quinto beta: 6290. A questo punto ho una grossa emorragia che dura però solo un paio d’ore… dopo qualche giorno (alla 6+2) rifaccio l’eco-transvaginale sicura di un aborto totale o parziale e….. MAGIA: mi dicono che c’è un embrione pulsante di 2.5 mm.!!! Ora: a parte il fatto che mia figlia alla sesta settimana era quasi il doppio, cosa devo pensare? Il mio incubo è quel beta che si è fermato e
che sale in maniera non certo da manuale e di cui nessuno può (o vuole) darmi spiegazione. Sono quindici giorni che vivo nell’ansia e, dopo averle pensate tutte, adesso sono estenuata. In ospedale dicono che niente si può fare e che
tutto dipende da lui/lei ovvero quella piccola virgola annidata nel buco nero
che ha resistito a molte avversità (compreso il mio continuo scorazzare in
moto, ignara della vita che si stava formando….). Io sto benissimo, a parte
la nausea che ogni giorno si fa sempre più tangibile e fastidiosa, e quelle perditine che passano a piacimento dal rosato al marroncino… Vorrei riuscire a non pensarci e a vivere serenamente i giorni che mi separano da un responso (interruzione naturale o, più avanti, tramite villocentesi) ma non riuscendoci, non mi resta che approfondire… Perché questo beta-hcg? Perché il sangue? Perché?
Grazie, davvero.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signora Paola,
mi spiace non poter soddisfare la sua ansia con risposte sicure, ma, purtroppo,
come spesso ho ripetuto, in tali circostanze, lo sviluppo embrionario è
legato a molteplici fattori, non tutti inquadrabili, ed il suo caso n’è
un tipico esempio. Pertanto, non le resta che arrendersi in quanto l’agitazione
e l’ansia non servono, se non ad aggravare il problema. Auguri.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo