"Perché i miei genitori non accettano che io sia incinta?" - GravidanzaOnLine

“Perché i miei genitori non accettano che io sia incinta?”

Anonimo

chiede:

Buongiorno sono una ragazza di 23 anni e sono fidanzata con il mio attuale ragazzo da 5 anni e mezzo; 2 settimane fa ho scoperto di essere rimasta incinta. Premesso ho fatto una richiesta di mutuo e se tutto va bene me lo dovrebbero dare tra dicembre e gennaio. Il mio compagno ha sempre lavorato con suo padre e adesso lavora anche in regola presso un supermercato. Io non sono felice, non mi sento felice come tutte le persone lo sarebbero; il punto è che quando l’ho detto ai miei genitori è stato bruttissimo, non hanno reagito bene ed è da quando gliel’ho detto che mi mettono una continua ansia, mi mettono negatività, mi dicono che non era il momento che non so se andrò d’accordo con il mio fidanzato quando abiteremo insieme e quando avremo un figlio, che non è facile… Continuano a fare battute sul mio ragazzo che ha 29 anni e non mi ha mi ha fatto mancare niente. Io non mi sento giusta, non mi sento felice e mi sento colpa perché dovrei essere la ragazza più felice di questo mondo invece non lo sono… Sento di avere deluso i miei genitori sempre. Quando iniziano a parlare di queste cose negative mi vengono crisi di pianto tanto forti che faccio fatica anche a respirare… Non so cosa fare, mi sento persa. Io lo voglio tenere perché ho sempre amato i bambini e ho sempre detto che lo volevo da giovane. Ma non credevo che sarebbe stato così difficile con i miei genitori.

Gentile signora,
mi spiace apprendere delle sue difficoltà in questo momento che, come lei stessa scrive, pensava sarebbe stato di grande gioia. Mi rendo conto che affrontare una gravidanza con questi pensieri e senza l’aiuto che pensava avrebbe potuto avere sia difficile ma mi sento di consigliarle di cercare di concentrarsi quanto più possibile sul piccolo che sta arrivando e sul progetto di famiglia che lei e il suo fidanzato state portando avanti insieme. Mi rendo conto che tuttavia in questo momento può apparire difficile riuscire ad affrontare tutto questo e le consiglio quindi di affidarsi a qualcuno che possa offrirle un aiuto emotivo concreto, rivolgendosi magari al consultorio della sua città per poter avere un valido sostegno in questo momento. Per qualsiasi cosa o indicazione resto a disposizione.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Psicologo

Categorie