Iperemesi gravidica, ho paura che il primogenito possa soffrire della mia assenza - GravidanzaOnLine

Iperemesi gravidica, ho paura che il primogenito possa soffrire della mia assenza

Silvia

chiede:

Ho un meraviglioso figlio di 27 mesi che amo più della mia vita! Quando ero incinta di lui ho sofferto MOLTISSIMO di iperemesi gravidica. Avevo nausee violentissime 24 ore su 24 che non mi permettevano nè di mangiare nè di bere e vomitavo di frequente.
Sono stata ricoverata 2 volte all’ospedale e fino alla fine del 5′ mese praticamente non ho più vissuto. Sono rimasta incinta (volutamente) una seconda volta un anno fa e l’iperemesi si è ripresentata prima e più violenta che mai, tanto da farmi interrompere la gravidanza alla 9′ settimana!
Vorrei tanto avere un secondo figlio, ma anche se il mio primo figlio è un po’ meno piccolo rispetto ai 16 mesi di quando sono rimasta incinta la seconda volta e partendo dalla certezza che soffrirò di iperemesi, mi chiedo: la mia quasi “assenza” nella sua vita e il vedermi ridotta come una malata terminale per, diciamo, almeno 5 mesi all’età di 2/3 anni che conseguenze può avere su di lui? Sarebbero conseguenze indelebili nella sua futura personalità? Suo padre è una persona meravigliosa che sa prendersi totalmente cura di lui anche senza di me, ma per mio figlio e penso per tutti i figli, la mamma è la mamma!
Io non so davvero se ci riproverò ed ogni piccola nozione in più mi potrà aiutare a prendere una decisione che comunque spetta solo e solamente a me.
Grazie infinite

Cara Silvia,
come riconosce la decisione “spetta solo e solamente a me”.
La inviterei a riflettere sui motivi che l’hanno portata a un’interruzione di gravidanza in precedenza e a cercarne un’altra attualmente, rivolgendosi alla ginecologa per una consulenza in merito all’iperemesi gravidica.
Quanto al suo primogenito, se deciderà di affrontare una nuova gravidanza, è importante rassicurarlo e dare dei significati reali e semplici da comprendere alla situazione; suo marito sembra una risorsa ed è importante il suo aiuto su un piano emotivo e pratico.
Saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Psicologo