Ormai devo assumermi le responsabilità di futura madre e di 'compagna'… | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buonasera, ho letto la sua risposta, la ringrazio tantissimo del consiglio, il mio stato d’agitazione credo sia dovuto principalmente alla situazione che ad 22 anni mi ritrovo a vivere, sono ancora una ragazza, ed ho paura delle difficoltà che mi ritroverò ad affrontare. Mi laureo tra qualche giorno, e un po’ questa gravidanza così come il rapporto con il mio convivente mi ha un po’ preso d’assalto, lo amo come amo già mio figlio, ma ci troviamo in una strana situazione. Viviamo con i suoi, spesso è difficile andare d’accordo con tutti, spesso mi mancano i miei spazi, ma senza lui non saprei per niente vivere. Ogni tanto mi sento fuori luogo, ogni tanto rifletto e vorrei trovarmi in una situazione diversa; ma ormai devo assumermi le responsabilità di futura madre e di “compagna”. Credo che le mie paure, la mia fragilità spesso si tramuta in uno stato preoccupazione che poi finisce con l’essere agitazione e continui sbalzi d’umore. Cosa c’è da fare? Accettare forse?

Da quanto scrive nella sua lettera, emerge spesso il tema del “dovere” e della fatica ad accettare alcune decisioni, anche se sono scaturite da sue scelte. Mi chiede cosa dovrebbe fare, non credo che accettare sia la scelta migliore, nel senso che un’accettazione passiva avrebbe come rischio quello di farla sentire ancora più agitata e nervosa; invece di reprimere ciò che sente, le sarebbe utile prendersi un suo spazio (cosa che le manca a casa) per confrontarsi con uno psicologo, per comprendere quali emozioni e vissuti soffoca e cosa può fare per prendersene cura.
è possibile che sotto l’ansia e la paura ci sia anche della rabbia inespressa che una volta compresa ed elaborata, le permetterebbe di vivere meglio e più serenamente anche dopo all’arrivo del bambino. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo