Anonimo

chiede:

Buongiorno, ho 32 anni e aspetto il secondo figlio, sono al quinto mese. A differenza della prima, questa gravidanza, benché desiderata, mi pesa. Sono sempre di cattivo umore e un po’ triste, mi pesa andare al lavoro, tornare a casa e occuparmi della mia bambina di 21 mesi che peraltro è bravissima. Mi pesa fare tutti i giorni le stesse cose, esco con mio
marito solo una volta la settimana, per non gravare troppo mia madre che già
tiene Sofia tutto il giorno (anche se tra poco andrà al nido). Mi pesa dover essere attiva dalle 7 del mattino alle 10 di sera… sono triste al
pensiero di non poter fare delle belle vacanze l’estate prossima (il bimbo nasce a luglio), non vedo l’ora di partorire per riavere il mio corpo magro e la
mia femminilità di sempre. A volte mi viene da piangere senza motivo e penso
che sto buttando la mia giovinezza per accudire dei figli che magari a 20 anni si drogheranno o moriranno in un incidente stradale… Cosa mi succede?
Sono preoccupata, ho una depressione seria? La prego, mi aiuti. Grazie,

Forza Federica, ormai è quasi arrivata a conclusione dell’opera.
Che cosa sono pochi mesi di sopportazione o una vacanza mancata rispetto
all’affetto che il suo piccolino non vede l’ora di manifestarle?
Quanto al resto… La vita è un rischio, ma sarebbe certamente un errore non
viverla a pieno per paura di rischiare, le pare?
Cari saluti e auguri.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo